Non riesci a visualizzare correttamente la Newsletter?
Clicca qui per la versione online.
Flickr
Cacao - il quotidiano delle buone notizie comiche
nr. 236/2014
sabato 15 novembre
DI SIMONE CANOVA, JACOPO FO, GABRIELLA CANOVA E MARIA CRISTINA DALBOSCO
Su Commercioetico.it sono iniziate le offerte di Natale: decine di prodotti a 1, 5 o 10 euro! Potete “risolvere” i regali di Natale con una manciata di monetine!
Trovate tutti i prodotti in promozione cliccando qui
Altre offerte si aggiungeranno anche nei prossimi giorni, torna a trovarci!
 Il Cacao dei lettori
Il Cacao dei lettori
In questo numero di Cacao alcune segnalazioni di eventi, iniziative, progetti, ricevute in redazione.
Buona lettura!

Caro Jacopo,
faccio parte del progetto che intende fare un cortometraggio - ma con ambizioni di trasformarlo in medio-lungometraggio, riuscendo a trovare i fondi - su Gabriele Bortolozzo, l'operaio del petrolchimico di Marghera che grazie alla sua caparbietà portò per primo i vertici di una grande industria a subire un processo. Il primo grado, nel 2001, si chiuse con le assoluzioni degli imputati ma la Corte d’Appello di Venezia riformò in parte la sentenza, creando un importante precedente.
Stiamo cercando di allargare la cerchia di persone che contano, affinché si riesca a superare la prima fase di raccolta crowdfunding. Metto il link perché possa capire se è un'iniziativa che merita la sua attenzione: abbiamo fatto qualche passaggio in radio e giornali, e speriamo di rendere il più visibile possibile il progetto.
Un caro saluto,
Cristiano

Buongiorno Jacopo,

non so se questo mio messaggio ti arriverà mai. Ma ormai ho promesso di contattare tutti ma proprio tutti e allora bando alla mia timidezza, perché non provarci. Mi chiamo Adriana Cigni e ho una piccolissima casa editrice italo-francese, A.G.Editions. Voglio essere breve perché so che riceverai migliaia di post privati e magari li cestini dopo aver letto le prime righe. Mi occupo di problematiche infantili e non, quelle poco conosciute sia dai media che dai terapeuti. In questo momento sono impegnata sul fronte del mutismo selettivo, praticamente i bambini, i giovani, e gli adulti possono parlare ma lo fanno solo in ambito famigliare, mentre sono completamente bloccati a scuola, fuori casa con gli estranei. Ho già pubblicato un libro per bambini che ne soffrono e per i loro genitori. Ora ho raccolto le testimonianze di adolescenti, giovani e adulti e ne ho fatto un libro che pubblicherò (forse) con un progetto di crowdfunding; il progetto si chiama "I Quaderni. Dal silenzio il canto: storie di mutismo selettivo", per raggiungere anche coloro che non hanno interesse all'argomento e quindi al libro ho chiamato in aiuto 10 illustratori italiani che hanno creato per noi 10 opere inedite, che diamo come ricompense insieme ai libri in vari formati poster oltre agli originali. So che non arriverò mai a te ma ti chiedo lo stesso: ti andrebbe di partecipare contribuendo anche solo con 1€? Per me sarebbe un onore scrivere il tuo nome tra i ringraziamenti insieme a quello di tutti gli altri.
Dai un'occhiata al link per favore


Ciao Jacopo,
vorrei darti questa notizia. è molto importante per una scuola pubblica ricevere un riconoscimento cosi prestigioso. siamo nel Cilento, lontani dai grandi centri urbani e dai grandi movimenti. Se ti fa piacere condividere con noi...
 ENERGITISMO: quando arte e imprese si uniscono
ENERGITISMO: quando arte e imprese si uniscono
Abbiamo conosciuto Claudia Bettiol e il progetto Energitismo durante il Festival EcoFuturo di Alcatraz, a luglio. Volentieri pubblichiamo il comunicato stampa con alcune delle loro nuove iniziative. Per maggiori informazioni visitate il sito

“Quando nel 2011 uscì il Manifesto di Energitismo su Arte ed Energia non avremmo mai immaginato dove ci avrebbe condotto il nostro cammino. Allora sapevamo solo che il Rinascimento era stato realizzato da artisti con le loro botteghe e che per “rinascere” dovevamo ricreare quelle condizioni.
Oggi parte un nuovo corso in cui si raccolgono i frutti di queste collaborazioni e siamo pronti a raccontare questi frutti al mondo per far sognare coloro che cercano l’essenza dello spirito italiano. Vogliono ritrovare nelle creazioni di oggi la stessa voglia di stupire che avevano i nostri padri.
Energitismo è diventato un portale e una rete di Arte e Impresa e fra i progetti speciali che saranno presentati sabato 15 novembre a Marostica (la città famosa per la piazza degli scacchi) ce ne sono alcuni veramente particolari.
Nel progetto "La nuova Via della Seta 100 % made in Italy”, fortemente voluto dall’impresa orafa D’Orica per una nuova linea di gioielli, per la prima volta dopo oltre 30 anni una filanda italiana è tornata a tessere i bozzoli italiani per filati che saranno tessuti dalle sapienti mani di Ilario Tartaglia.
"The Art of Rugby", invece, vede una sinergia fra sport e arte, con il Museo del Rugby che assieme ad Energitismo ha chiamato Giuseppe Facchinello, un artista della ceramica, a dipingere palloni che saranno poi promossi fra gli amanti internazionali di questo sport molto diffuso all’estero.
La terza iniziativa presentata sarà un rilancio di una tradizione veneta, la "Bossa Buffona", anche chiamata “bevi se puoi” nel resto dell’Italia. Una brocca “bucata” dove si può bere il vino solo con un trucco e che era utilizzata nelle cerimonie goliardiche. Oggi si ripropone in connessione ad una cantina vinicola.
Questo è il cammino e le storie le racconteremo con maggiore amore e più dettagli subito dopo l’evento.
Grazie
Claudia Bettiol

Concludiamo con una segnalazione di Stefano Piazza
L'Azerbaigian del calcio sta facendo parlare parecchio di sè, in questo periodo. Tanto per cominciare, il sito apasport.az dà quasi per scontato che il prossimo ct sarà un italiano: Roberto Mancini (difficile) o Marco Tardelli (favorito). Insomma, i soldi non sono di certo un problema per gli azeri, ma non tutti sembrano apprezzarli, se è vero che, nonostante una situazione finanziaria spesso non troppo incoraggiante, ben due club hanno già rifiutato una proposta di sponsorizzazione dell’Azerbaigian, paese che già compare come sponsor sulle maglie del Lens e, soprattutto, dell’Atletico Madrid.
I club in questione sono il Peñarol, la squadra più titolata dell’Uruguay, e il San Lorenzo, campione della Libertadores, rappresentante del continente al prossimo Mondiale per club e squadra del cuore di Papa Francesco. Proprio il presidente del Cuervo (il San Lorenzo), Matias Lammens, ha ricevuto un’onorificenza dalla comunità armena in Argentina.
Gli armeni c'entrano, ma non spiegano tutto. Lammens ha commentato: "Sono felice che il San Lorenzo sia fra i pionieri nel rifiutare un’offerta economica interessante, spiegando che non tutto può essere comprato, e non tutto è in vendita".
Ma perché dire di no alla "Land of Fire" (slogan che compare sulle maglie)? Come ha sottolineato anche una campagna di Reporter senza Frontiere, l’Azerbaigian, paese caucasico travolto da inattesa ricchezza grazie al gas e al petrolio, è una democrazia sui generis: posizione 160 su 180 per libertà di stampa, prigionieri politici, rapporti tesi con tutti i vicini, un presidente, Ilham Aliev, succeduto al padre e "vincitore" del premio di "personalità più corrotta del 2012” (dall’Ong OCCRP). Alle ultime elezioni è stato confermato con l’85 per cento dei voti senza fare campagna elettorale. Voto non proprio limpido, se si considera che i risultati erano comparsi su un sito ufficiale governativo alla vigilia del voto. Poi, la questione armena. Baku ed Erevan sono divise da circa un secolo sulla questione del Nagorno Karabakh, regione ex-azera e repubblica autoproclamatasi autonoma. Il confine è quello con l’Armenia, dal 1994 reggeva un cessate il fuoco rotto lo scorso agosto da movimenti di truppe e, secondo alcune fonti, una ventina di morti. Secondo il presidente del San Lorenzo, gli emissari azeri, in cambio della sponsorizzazione, avrebbero preteso che non ci fossero dirigenti di origini armene nel club, sia al San Lorenzo che al Penarol. A Buenos Aires, e soprattutto a Montevideo, la comunità armena è numerosa e ben inserita: ostacolo insormontabile, nonostante una montagna di quattrini.
Perché, allora, Atletico e Lens hanno accettato? Beh, gli spagnoli devono rimediare a un indebitamento di centinaia di milioni di euro e non se la sentono di fare troppo i difficili. Il Lens, invece, deve ringraziare Hafiz Mammadov, uomo d’affari azero, vicino al presidente Aliev, per essersi salvato dalla bancarotta: qui i confini fra sponsorizzazione e proprietà sono più labili. L’espansione sudamericana della "Land of Fire", invece, per ora è stoppata: perché non tutto è in vendita, certo. Ma anche perché, come diceva il mitico Bill Shankly: "In una squadra di calcio c'è una Santa Trinità: i giocatori, il tecnico e i tifosi. I dirigenti non c'entrano. Loro firmano solo gli assegni". Nel caso del San Lorenzo, non andrebbe neanche ricordato.
(Fonte: Gazzetta.it)
Stefano Piazza
28-30 novembre: FORMAZIONE PER DOTTORI E RAGIONIERI COMMERCIALISTI
Sei un commercialista o un ragioniere e sei stanco dei soliti corsi di formazione?
Ad Alcatraz teniamo corsi accreditati su argomenti che riguardano le materie formative ma poco o nulla affrontati dalla corsistica tradizionale:
- forme economiche emergenti (le banche del tempo, le nuove forme di baratto organizzato, i Comuni che “battono moneta”, le “transition town”, ecc…).
- differenti modalità di gestire la professione e i rapporti personali interni allo studio e verso l’esterno (PNL, relazioni interpersonali, time & space organization, negoziazione, ecc.)
- approccio alternativo e creativo alle problematiche professionali (scrittura creativa, ampliamento del concetto di discontinuità nella soluzione delle crisi d’impresa, ecc.)

Vogliamo offrire non solo corsi di alto livello in molti settori ma anche un contesto di tranquillità, convivialità e buona cucina che - come ormai universalmente riconosciuto - favoriscono l’apprendimento, rendendo un corso anche un’esperienza piacevole e rigenerante. Per questo oltre alle lezioni ci sarà la possibilità di seguire momenti di comicità e di ristoro per la mente ma anche occasioni per riflettere in modo divertente su meccanismi semplici del nostro modo di vivere. Elementi apparentemente estranei allo specifico del discorso formativo ma indubbiamente utili per chi voglia sperimentare una filosofia di professione meno incravattata del solito. (...)
i corsi di alcatraz
21/23 novembre
CORSO DI TAI CHI SHIATSU E STRUMENTI DEL BENESSERE con Angelo Airaghi
img
21/23 novembre
CORSO DI CUCINA con Angela Labellarte
img
21/23 novembre
HAPPENING ARTISTICO E LABORATORIO CREATIVO con Eleonora Albanese ed Armando Tondo
img
28/30 novembre
FORMAZIONE PER DOTTORI E RAGIONIERI COMMERCIALISTI
img
28/30 novembre
CORSO DI LIBERA COMUNICAZIONE CONSAPEVOLE
img
28/30 novembre
INCONTRO SUL PROGETTO ECOVILLAGGIO SOLARE con Jacopo Fo, Gabriella Canova e Stefano Bertea
img
5/8 dicembre
CORSO DI YOGA DEMENZIALE con Jacopo Fo e i suoi collaboratori
img
12/14 dicembre
6° SEMINARIO DI NATUROPATIA COMPLEMENTARE
img
12/14 dicembre
CORSO DI CUCINA con Angela Labellarte
img
19/21 dicembre
CORSO DI T'AI CHI SHIATSU E STRUMENTI DEL BENESSERE con Angelo Airaghi
img
19/21 dicembre
ACQUA E RELAX, un fine settimana dedicato all’ascolto di se stessi
img
27 dicembre/2 gennaio
CORSO DI YOGA DEMENZIALE E CAPODANNO IN PIGIAMA (PARTY!)
img
2/6 gennaio
CORSO DI YOGA DEMENZIALE con Jacopo Fo e i suoi collaboratori
Clicca qui per il calendario completo dei corsi di Alcatraz Prenota allo 075.9229938/11 email: info@alcatraz.it
link consigliati
Aut. Trib. di Perugia n° 634
del 21/06/1982
Direttore responsabile:
Severino Cesari
Direttore: Jacopo Fo
Anno XI
energia arcobalenoenergia arcobalenoenergia arcobaleno
Facebook
Flickr
Myspace
Twitter
Non vuoi più ricevere questa newsletter?
Clicca qui per cancellare il tuo indirizzo email
Copyright © 2011 Cacao il Quotidiano delle buone Notizie
website -www.cacaonline.it