Non riesci a visualizzare correttamente la Newsletter?
Clicca qui per la versione online.
Flickr
Cacao - il quotidiano delle buone notizie comiche
nr. 233/2015
sabato 7 novembre
DI SIMONE CANOVA, JACOPO FO, GABRIELLA CANOVA E MARIA CRISTINA DALBOSCO
Ancora DUE giorni per ricevere “Germoglio” senza spese di spedizione e con il Libro “La leggendaria cucina di Alcatraz” in regalo!!! L’offerta scade l’8 novembre!
CLICCA QUI
 Francesco, lu santo jullare
Francesco, lu santo jullare
Carissimi,
Questa settimana siamo stati immersi nelle tavole e nelle tele di Dario Fo, abbiamo aggiunto un sacco di opere stupende nello shop di Dario che potete vedere qui.
In particolare si è arricchita notevolmente la sezione dedicata a San Francesco dove abbiamo inserito altre tavole bellissime.
Ogni volta che si aggiunge una nuova opera nel sito bisogna prepararla prima scegliendo i dettagli, dimensionandola per la griglia di base, ecc. E’ un lavoro non molto complicato che ti fa entrare nei particolari, scoprire i segni nascosti. E ogni volta ci viene un po’ la sindrome di Stendhal. Avere a che fare con le opere di Dario è la dimostrazione che l’arte fa bene al cuore.
Non so cosa sia: l’uso dei colori, la vivacità del tratto di Dario Fo ma anche la storia di un uomo straordinario, rivoluzionario e ribelle come San Francesco, chi lo sa. Tutto insieme, probabilmente, sta di fatto che si entra in una magia ed è bellissimo.
Quindi, questa settimana vi raccontiamo un po’ di San Francesco tratto dal libro edito da Einaudi nel 2014 che trovate qui.
Buona lettura!
Allestito con le scenografie dipinte dallo stesso Dario Fo ormai quindici anni fa e tornato a calcare le scene in una nuova forma al Teatro Duse di Bologna nel febbraio del 2014, "Lu santo jullàre Franzesco" prende spunto da leggende popolari, testi canonici del Trecento e documenti riscoperti negli ultimi tre secoli.
A emergere è il lato umano del santo che amava definirsi "Jullàre al servizio di Dio": la personalità multiforme, la capacità di comunicare l'idea di un Dio aperto al dialogo con l'uomo peccatore, il carisma e l'abilità istrionica che lo hanno reso universale patrimonio dell'umanità e non solo della Chiesa. In questa riscrittura Fo dedica l'incipit del testo a papa Francesco, a un possibile cambiamento di rotta della Chiesa (più un auspicio che una scommessa a tutti gli effetti) e alla decisione di Bergoglio di chiamarsi, appunto, Francesco. Un nome che nessun papa aveva osato scegliere prima, per un santo che il potere ecclesiastico aveva a lungo cercato di "addomesticare", riuscendoci solo dopo la sua morte con l'imposizione di una biografia autorizzata e l'eliminazione di qualsiasi riferimento al Francesco sovversivo della prima cronaca.
“... San Francesco muore nel 1226 e subito, solo un anno dopo, viene proclamato dalla Chiesa di Roma Santo. Trascorrono la bellezza di quarant’anni, durante i quali si raccolgono gran quantità di testimonianze di seguaci del santo giullare: aneddoti, canti e dipinti dedicati a lui e alla sua vita, e perfino una storia completa ad opera di Tommaso da Celano, suo discepolo, e accettata addirittura dal Papa; ma ecco appunto che dopo quarant’anni i responsabili della canonizzazione ci ripensano: ‘No, - esclamano in coro, - una storia così, un santo di questa fatta non possiamo accettarlo! E’ tutto fuori dal canone della Chiesa, andiamo, un santo che non mai fatto miracoli anzi, appena qualche fedele cercava di appioppargliene qualcuno, lui si rifiutava indignato! E al rovescio, come contrappunto, della sua vita si raccontano fatti spesso al limite della decenza! Eccolo che parla con tutti gli animali compresi i lupi, abbraccia i maiali come fossero creature decenti, si spoglia nudo in chiesa e lavora coi contadini e i muratori e oltretutto disprezza e si fa beffe dei signori e delle autorità laiche e religiose’
Ma c’è chi si ribella, anche dentro la Chiesa, davanti a quella logica. E’ proprio da lì che viene il successo di questo straordinario cristiano, se si pensa che gli hanno dedicato perfino una delle città più grandi e famose al mondo, San Francisco.
«Ma perché  - insiste una quantità incredibile di fedeli, - perché imporre la distruzione di un personaggio che tutti ormai abbiamo festosamente accettato?»”
Già, perché?
(Continua)
Per acquistare il libro clicca qui
20-22 novembre: CORSO DI CUCINA
con Angela Labellarte
La nostra cucina ha commosso fino ad oggi migliaia di persone. Angela e i suoi meravigliosi collaboratori sono riusciti a convincere tutti i nostri ospiti dell'importanza di mangiar bene e sano, senza dire mai neanche una parola, ma soltanto deliziandoli con i loro piatti.
Niente segreti per una cucina egregia preparata con sapienza e amore.
PER SAPERNE DI PIU' CLICCA QUI
i corsi di alcatraz
13/15 novembre
CORSO "LE VOCI DELL'ANIMA"
img
20/22 novembre
CORSO DI BASIC WATSU con Roberto Tordoni
img
20/22 novembre
CORSO DI TAI CHI SHIATSU E STRUMENTI DEL BENESSERE con Angelo Airaghi
img
20/22 novembre
CORSO DI CUCINA con Angela Labellarte
img
27/29 novembre
CHICCHI BIO GRAN TOUR, TRA ARTE E CIBO: IL FUMETTO
img
4/8 dicembre
CORSO DI YOGA DEMENZIALE con Jacopo Fo e i suoi collaboratori
Clicca qui per il calendario completo dei corsi di Alcatraz Prenota allo 075.9229938/11 email: info@alcatraz.it
link consigliati
Aut. Trib. di Perugia n° 634
del 21/06/1982
Direttore responsabile:
Severino Cesari
Direttore: Jacopo Fo
Anno XI
energia arcobalenoenergia arcobalenoenergia arcobaleno
Facebook
Flickr
Myspace
Twitter
Non vuoi più ricevere questa newsletter?
Clicca qui per cancellare il tuo indirizzo email
Copyright © 2011 Cacao il Quotidiano delle buone Notizie
website -www.cacaonline.it