Non riesci a visualizzare correttamente la Newsletter?
Clicca qui per la versione online.
Flickr
Cacao - il quotidiano delle buone notizie comiche
nr. 209/2013
sabato 19 ottobre
DI SIMONE CANOVA, JACOPO FO, GABRIELLA CANOVA E MARIA CRISTINA DALBOSCO
 Clochard alla Riscossa
Clochard alla Riscossa
Prima ci ha incuriosito il nome, dopo ci siamo entusiasmati alla loro storia.
Questa settimana, carissimi, vi raccontiamo la storia di un’associazione particolare. Si tratta dei “Clochard alla Riscossa”, onlus milanese di senzatetto.
Esiste una Milano parallela in cui i luoghi assumono un significato diverso: è la Milano dei clochard, dove anche una galleria del centro può diventare una casa. Wainer Molteni, anima dell’Associazione e autore di un libro che racconta la sua storia: “Io sono nessuno”, si definisce il sindaco dei barboni e questa città invisibile la conosce bene perché per molti anni ha vissuto in strada e ora aiuta i suoi "barbafratellini".
Lui ha quarant'anni, una laurea alla Statale di Milano e molti ricordi alle spalle. Gli ultimi otto anni li ha trascorsi vivendo per strada, e con altri cinquanta volontari e diverse associazioni collabora al progetto antifreddo del Comune di Milano. Prima era responsabile del personale di un supermercato, poi la bancarotta fraudolenta dell'azienda, il fallimento e la disoccupazione. Figlio unico, i genitori morti diversi anni prima, nessun legame. L'affitto da pagare che incombe ogni fine mese, poi sono scaduti i documenti e senza un domicilio il rinnovo non arriva. Quindi il trasloco nella galleria San Cristoforo e i primi contatti con il Comune di Milano.
Oggi Wainer vive in una casa assegnatagli dai sevizi sociali e si occupa dei "Clochard alla riscossa".
Lui stesso racconta: “I treni ogni notte sono presi d'assalto dai senza fissa dimora. Centinaia di persone che arrivano in stazione alle 11 di sera, aspettano il parcheggio del treno e fino alle cinque del mattino non li sveglia nessuno. La biblioteca Sormani dalle 9 del mattino alle 19.30 è la casa di decine di senza fissa dimora, siamo di casa e se qualcuno di noi manca sono gli operatori stessi a chiedere dove siamo finiti. E questa è diventata la sede di "Clochard alla riscossa".
Il primo sindacato dei senza fissa dimora Wainer l'ha fondato nel 2004 insieme ad altri senza tetto: non bastava il sistema assistenziale tradizionale, le mense, i dormitori. Wainer voleva per loro una casa, una possibilità di cambiamento, il futuro. Hanno occupato stabili pubblici e privati: “Abbiamo occupato Malamanera, Maggianico, il Bulk e Pergola, è partita da lì la nostra riscossa, la voglia di cambiare”.
Oggi il sindaco dei barboni che - lo sottolinea anche sulla pagina Facebook del sindacato - ha come datore di lavoro "la strada", di chilometri ne macina parecchi: a stretto contatto con l'amministrazione, o preso nell'organizzazione di un dj set, di una mensa sotto le stelle, di un servizio di cucina a domicilio, di una cena insieme ai "barbafratellini" in Piazza Fontana. Alle stoviglie, a un piatto caldo, a un conforto ai clochard disseminati per Milano ci pensano loro, i volontari che ogni giorno offrono il proprio generoso aiuto. Ci pensa il Comune che mantiene un dialogo con il sindacato. Ci pensano i cittadini, che danno una mano affinché il progetto cresca.

Si sta avvicinando l’inverno, ricomincia la corsa contro il freddo per distribuire i sacchi a pelo a chi dorme in strada.

Grazie all’avvocato Fabio Balocco che ce li ha fatti conoscere.

“I clochard alla riscossa nascono nel 2004 in seguito all'ennesimo tentativo da parte del comune di Milano di associare l'emergenza senzatetto solo ad un determinato periodo dell’anno.
Vedendosi ributtare per strada dopo la fine del piano "emergenza freddo" (come se il freddo fosse un'emergenza sporadica e non ciclica), 450 barboni alloggiati nel dormitorio di via Maggianico decidono di occupare e autogestire in completa autonomia la struttura, e ci riescono anche così bene che il Comune vedendo la magra figura del proprio assessorato alle politiche sociali, decide di intraprendere una sorta di "muro contro muro" con il neonato sindacato formato da senza dimora e decide di sgomberare. Seguono altre 26 occupazioni con altrettanti sgomberi seguiti da manifestazioni e presidi per rivendicare i diritti fondamentali della Costituzione che per un senzatetto sono preclusi avendo perso la residenza e trovandosi nella non possibilità di rinnovare i documenti... e così è andata avanti per circa 7 anni.

Poi un giorno, finalmente, iniziano i colloqui con la giunta comunale, prima con quella capitanata da Letizia Moratti, poi con Giuliano Pisapia e così al nostro gruppo viene affidata  la gestione del piano freddo nell'inverno più rigido degli ultimi 60 anni.
Passo dopo passo decidiamo di diventare Associazione Onlus e avviamo (grazie a fondi privati in prestito agevolato e restituiti in 8 mesi) due progi per portare i senzatetto al pieno reinserimento sociale, lavorativo e abitativo.
Oggi abbiamo in cantiere diverse progettualità, una tra tutte: il recupero di un borgo abbandonato sull'appennino Tosco-Emiliano, dove le famiglie potranno rimanere unite e lavorare la terra, avendo una casa dove tornare... un grande e impegnativo progetto che prende il via proprio in questo periodo grazie a un gruppo di investitori privati che credono in noi, il tutto non a fondo perduto o per donazione... noi avviamo solo progetti autosostenibili basati sull'imprenditoria sociale.
Siamo consulenti anche della Commissione Affari Sociali della Camera e insieme stiamo programmando la raccolta e la distribuzione di 50.000 sacchi a pelo entro breve tempo, visto che i comuni italiani non hanno ancora iniziato le distribuzioni annuali e la gente per strada rischia di non svegliarsi al mattino a causa del freddo.

Ogni informazione al di fuori di queste righe ed alcuni video, si possono trovare all'indirizzo: www.clochardallariscossa.it

Cordiali saluti,
Wainer Molteni - portavoce associazione clochard alla riscossa.”

Per commentare questo numero di Cacao clicca qui
 Le cooperative salveranno il mondo!
Le cooperative salveranno il mondo!
Il Nuovo Comitato Il Nobel per i disabili Onlus organizza un Corso di formazione sull'imprenditoria cooperativa. Come costituire e gestire una società cooperativa

Libera Università di Alcatraz 6-8 novembre 2013

Il Corso di Formazione sull’imprenditorialità cooperativa nasce dall’esigenza di fornire a chi intende creare una impresa mutualistica gli strumenti più adeguati per raggiungere i propri scopi.
Le cooperative sono imprese antiche, eppure molto moderne e straordinarie, perché colgono le esigenze delle fasce più deboli della popolazione e tendono alla soluzione dei problemi di base.
In questo momento di profonda crisi economica e sociale le cooperative rappresentano un baluardo indispensabile per chi intenda vedersi garantita, ad esempio, una continuità occupazionale o la fruizione di servizi socio sanitari.
Il corso si rivolge ai futuri soci di società cooperative, ma anche a soci e manager di società cooperative già costituite che intendano migliorare le proprie conoscenze mutualistiche.
CLICCA QUI PER MAGGIORI INFORMAZIONI

Gratuito per coloro che fanno parte già di cooperative sociali o di lavoro, per associazioni di volontariato e per chi ha un reddito basso, grazie a un contributo del Nuovo Comitato Il Nobel per i disabili Onlus.
Per info e iscrizioni info@alcatraz.it oppure telefonare allo 075/9229938-39-14

A SEGUIRE, 8-10 NOVEMBRE, CORSO SULLA GESTIONE DELLA COMUNICAZIONE. Clicca qui per maggiori informazioni
i corsi di alcatraz
25/27 ottobre
HAPPENING ARTISTICO E LABORATORIO CREATIVO con Eleonora Albanese
img
31 ottobre/3 novembre
YOGA DEMENZIALE E MASSAGGIO THAILANDESE con Gisella Manganelli e Jacopo Fo - Vi siete slogati le ginocchia stando nella posizione del loto?
img
6/8 novembre
CORSO DI FORMAZIONE SULL'IMPRENDITORIA COOPERATIVA. Come costituire e gestire una società cooperativa
img
8/10 novembre
CORSO DI GESTIONE DELLA COMUNICAZIONE Le associazioni e le cooperative sociali sono ospiti del Comitato Nobel per i Disabili.
img
15/17 novembre
INCONTRO SUL PROGETTO DELL'ECOVILLAGGIO SOLARE con Jacopo Fo e Gabriella Canova - Vuoi conoscere meglio il progetto dell' Ecovillaggio Solare di Alcatraz?
img
17/23 novembre
CORSO DI TEATRO CON DARIO FO, JACOPO FO E LO STAFF DI ALCATRAZ
img
6/8 dicembre
CORSO DI YOGA DEMENZIALE con Jacopo Fo e i suoi collaboratori
img
27 dicembre/2 gennaio
CORSO DI YOGA DEMENZIALE e CAPODANNO IN MASCHERA con Jacopo Fo e i suoi collaboratori
img
3/6 gennaio
CORSO DI YOGA DEMENZIALE con Jacopo Fo e i suoi collaboratori - Se fossimo nati per soffrire le donne, invece delle tette, avrebbero due rubinetti.
Clicca qui per il calendario completo dei corsi di Alcatraz Prenota allo 075.9229938/11 email: info@alcatraz.it
link consigliati
Aut. Trib. di Perugia n° 634
del 21/06/1982
Direttore responsabile:
Severino Cesari
Direttore: Jacopo Fo
Anno XI
energia arcobalenoenergia arcobalenoenergia arcobaleno
Facebook
Flickr
Myspace
Twitter
Non vuoi più ricevere questa newsletter?
Clicca qui per cancellare il tuo indirizzo email
Copyright © 2011 Cacao il Quotidiano delle buone Notizie
website -www.cacaonline.it