Non riesci a visualizzare correttamente la Newsletter?
Clicca qui per la versione online.
Flickr
Cacao - il quotidiano delle buone notizie comiche
nr. 179/2015
sabato 5 settembre
DI SIMONE CANOVA, JACOPO FO, GABRIELLA CANOVA E MARIA CRISTINA DALBOSCO
 Regalati un disegno di Jacopo Fo e finanzia il Nuovo Comitato Nobel per i disabili!
Regalati un disegno di Jacopo Fo e finanzia il Nuovo Comitato Nobel per i disabili!
Jacopo ci regala continuamente magnifici disegni, fantastici, colorati, portafortuna a un prezzo straordinario, che vuoi di più?
Abbiamo un archivio quasi sterminato e ora proveremo, sì proveremo perché sarà durissima :-), a mettere in vendita tutto questo patrimonio.
I soldi raccolti con la vendita di questi disegni di Jacopo andranno a finanziare le future attività del Nuovo Comitato Il Nobel per i disabili Onlus.
Per acquistare manda una mail a gabriella@alcatraz.it

Clicca qui per vedere tutti i disegni in vendita

Coordinate bancarie

BONIFICO BANCARIO intestato a Nuovo Comitato il Nobel per i Disabili Onlus
BANCA POPOLARE ETICA Iban IT15L0501803000000000137020
Codice Bic CCRTIT2T84A

VAGLIA POSTALE: Beneficiario Nuovo Comitato il Nobel per i Disabili
Indirizzo Località Santa Cristina, 53 - 06024 Gubbio (Perugia)

PAYPAL clicca qui
 Chiamatele Persone con disabilità
Chiamatele Persone con disabilità
24 agosto pomeriggio
Ad Alcatraz c’è il Festival dell’Immaginazione, è pomeriggio e fa un caldo pesante, afoso, si preannuncia un gran temporale. Sono seduta davanti alla palestra con il mio lavoretto a punto croce su telaio, che mi serve a tener impegnate le mani, aver qualcosa da fare per tacitare il senso di colpa per tutto quello che mi sto godendo senza aver fatto praticamente nulla di organizzativo e tutti quelli che passano dicono: “Fai il tombolo?”
“No” rispondo “Punto croce”.
Sì, perchè il tombolo è un’altra cosa. Non che mi interessi in particolar modo puntualizzare ma son due cose diverse. Anche due immaginari diversi. Ci si immagina la signora dalle lunghe gonne e la crocchia davanti a un camino con il tombolo... oddio magari pure col punto croce... Ma le parole sono importanti e non è tombolo!
“E che stai facendo?”
“Un sampler”
“Eh?”
“Un imparaticcio...”
“Ahhh”
“Un quadretto”
“Ah! Bello!”
Ce la posso fare.
Intanto, seduti fuori dal bar vedo due signori, uno giovane e uno più anziano in sedia a rotelle con una ragazza. Bevono qualcosa, parlano tra di loro. Normali clienti che passano di qui l’estate per conoscere Alcatraz e godersi un po’ di colline.
Dopo un po’ si avvicina Giuliana e mi dice che quei signori vogliono parlare con me del Nuovo Comitato Nobel per i Disabili; molto volentieri.
Ci accomodiamo dietro la palestra, davanti all’affresco di Dario Fo sul San Francesco, un’opera d’arte stupenda.
Il ragazzo porta occhiali scuri, mi dice di essere ipovedente, molto ipo visto che vede solo le ombre e mi dice anche che è campione mondiale di arrampicata libera alle Paraolimpiadi. Lo guardo meglio e mi accorgo che ha un fisico decisamente atletico, si chiama Simone Salvagnin, è di origine veneta. Lucia è la sua fidanzata, bella e simpatica. Il signore più anziano è il padre della ragazza, Paolo Maria Vissani, affetto da polio, con l’età si è ritrovato a dover usare la sedia a rotelle. E’ un uomo sui 60 anni, un viso aperto e affascinante.
Intanto scoppia un temporale incredibile e io mi sento un po’ a disagio, non vorrei che si bagnassero; vista la mia preoccupazione Paolo non si scompone, sposta leggermente la carrozzina e dice: “Nessun problema, passerà”
Già, di che mi preoccupo? Passerà.
Mi rilasso e ascolto la loro storia.
Paolo fa conferenze in giro per l’Italia parlando di disabilità, ne fa la storia partendo dall’antica Roma, Simone fa anch’esso un sacco di conferenze e in più va nelle scuole per raccontare ai ragazzi che si può fare tutto anche non vedendo, poi partecipa a varie trasmissioni televisive. Parla bene, Simone, è allegro, pieno di vita.
Mi dice: “Quando mi sono accorto che la vista peggiorava molto ho deciso di andare in bicicletta in Uzbekistan”
Certo, come no, tutti appena perdono la vista decidono di attraversare 12 Paesi e farsi 8600 km in bici...
Simone la racconta come se fosse stata una scelta del tutto logica... beata gioventù!
La sua avventura è raccontata nel sito www.versodovenonso.it ed è incredibile.
Dopo un po’ parlo anche io e racconto loro la nostra esperienza con il Nuovo Comitato Nobel per i Disabili e parlo del progetto di costruire una casa delle Diverse Abilità.
E qui li vedo storcere un po’ il naso.  Che ho detto di sbagliato?
Paolo dolcemente mi dice che “diverse abilità” non si dice, che c’è una polemica fortissima su questa definizione.
Credo di essere arrossita, cacchio, proprio io che ci tengo così tanto alle parole!
“E come è corretto dire allora?” Chiedo a Paolo.
“Persona con disabilità” risponde “Così come è indicato dall’Onu,  “Dove la parola più importante non è ‘disabile’ ma ‘persona’.”
Parliamo ancora a lungo, ci raccontiamo le nostre esperienze, i nostri progetti, ci scambiamo con Paolo, Lucia e Simone i nostri biglietti da visita e gli indirizzi mail.
A Paolo chiedo di mandarmi del materiale per iniziare questa campagna per il No al diversamente Abile e l’utilizzo della PERSONA disabile.
E lui mi manda un sacco di roba, molti articoli, alcuni interventi.
Tra i tanti scelgo un brano di Franco Bomprezzi che mi pare spiegare bene il concetto:
“...Temo fortemente che l’invasione dei ‘diversamente abili’ sia quasi inarrestabile. Io ci provo a spiegare che la parola giusta è ‘persona con disabilità’, come dice l’Onu, come dicono le associazioni, come dicono le persone. Ma niente, sono considerato un sofista, che guarda il dito e non vede la luna. Che importa dividersi sulle parole, suvvia? Andiamo alla sostanza. Siete o non siete persone con un sacco di problemi in più? Siete o non siete abili ogni giorno nell’affrontare la vita, anche quando è difficile? E allora, che cosa volete, ‘voi’? Siete ‘diversamente abili’. Ecco, tiè.
No. Io non ci sto. Non sono e non sarò mai ‘diversamente abile’. Durante la giornata posso essere un giornalista, un comunicatore, un consulente, un amico, un fratello, un amante, un compagno, un tifoso, persino un malato (se mi viene la febbre oppure la bronchite), un rompiscatole, un invalido civile (se devo utilizzare le leggi vigenti), ma non riesco a capire in che cosa sarei ‘diversamente abile’.
Faccio fatica a vestirmi da solo, la sedia a rotelle la so usare ma non sono un drago, la pancia rallenta i movimenti, so usare lo smartphone ma faccio fatica con il touch screen, cerco di convivere con la mia disabilità ormai da tanti anni, ma non me ne faccio un vanto. Non voglio essere etichettato per questo. Mi chiamo Franco, penso che basti. E invece è vero: la gente ti guarda e ti etichetta, sempre più. Più di prima, più di dieci anni fa, forse ancor più di trent’anni fa. Forse perché il mondo della disabilità è più organizzato, visibile, combattivo. Forse perché riusciamo a parlarne, a discuterne, anche nelle difficoltà di un welfare che boccheggia.
Ma una cosa è certa: non autorizzo nessuno a pensarmi o a definirmi come ‘diversamente abile’. Diversamente un corno. Io sono bravissimo per i fatti miei. E lo so.”
   
Iniziamo così questo settembre 2015, con il dire che non si tratta di “Diversamente Abili” ma di Persone con disabilità.
Non vogliamo certo far incazzare ulteriormente Franco Bomprezzi!

Grazie a Lucia Vissani, Paolo Maria Vissani, Simone Salvagnin per il nostro incontro.
Se volete vedere il loro lavoro potete andare ai siti www.adameccessibility.it , un’associazione non profit con la finalità di promuovere il superamento delle barriere culturali legate alle persone con disabilità e con svantaggio sociale. www.versodovenonso.it che racconta il viaggio di Simone e Dino in tandem
Interessantissimo il sito di Lucia www.emozionabile.it, una bellissima sorpresa. Si tratta di un portale web nato al fine di raccogliere ed organizzare attività a intenso impatto emotivo fruibili da persone disabili!

Non finisce qui, ne parleremo ancora!
Grazie e a presto!
Gabriella
 ECOFUTURO 2015 - OFFERTA LAST MINUTE ultimo giorno
ECOFUTURO 2015 - OFFERTA LAST MINUTE ultimo giorno
Dall'1 al 6 settembre a pranzo, 59 euro al giorno, per pensione completa in camera doppia o camerata da 3/4 posti fino ad esaurimento.
Per informazioni e prenotazioni 075 9229938 oppure scrivete a info@alcatraz.it
www.alcatraz.it
Qui il link per seguire Ecofuturo 2015, la diretta in streaming è dalle 9.00 alle 13.00 e dalle 15.00 alle 19.00.
La nostra pagina Facebook
 Ecotecno - la rivista delle ecotecnologie
Ecotecno - la rivista delle ecotecnologie
STAMPANTI 3D: Enrico Dini, l’uomo che ha inventato la stampante che realizza la pietra
D-Shape: quando l’amore per una donna porta a stampare case in pietra per pesci

Intervista all'ingegner Enrico Dini, progettista di stampanti 3D
di Claudia Pizzigalli

Può una grande macchina stampare una casa? È possibile rivoluzionare il mondo dell’edilizia grazie a una stampante 3D? Incredibile ma vero, si può! L’idea è tutta italiana e la testa pensante (e realizzante) è quella dell’ingegnere toscano Enrico Dini, classe 1962, che nei primi anni del 2000 ha ideato e realizzato una macchina che stampa pietra: la D-Shape.
Ma facciamo un passo indietro per capire com’è possibile stampare oggetti tridimensionali. (...)
Continua a leggere questo e tanto altro. Scarica ecotecno qui
i corsi di alcatraz
30 agosto/6 settembre
CORSO DI YOGA DEMENZIALE
img
1/6 settembre
ECOFUTURO, IL FESTIVAL DELLE ECOTECNOLOGIE E DELL'AUTOCOSTRUZIONE
img
11/13 settembre
LABORATORIO DEL BOSCO
img
11/13 settembre
CORSO DI CUCINA
img
18/20 settembre
CORSO DI TAI CHI SHIATSU E STRUMENTI DEL BENESSERE
img
25/27 settembre
ARTE DELLA CURA, IL CORPO DI CHI CURA E IL CORPO FERITO con Patch Adams
Clicca qui per il calendario completo dei corsi di Alcatraz Prenota allo 075.9229938/11 email: info@alcatraz.it
link consigliati
Aut. Trib. di Perugia n° 634
del 21/06/1982
Direttore responsabile:
Severino Cesari
Direttore: Jacopo Fo
Anno XI
energia arcobalenoenergia arcobalenoenergia arcobaleno
Facebook
Flickr
Myspace
Twitter
Non vuoi più ricevere questa newsletter?
Clicca qui per cancellare il tuo indirizzo email
Copyright © 2011 Cacao il Quotidiano delle buone Notizie
website -www.cacaonline.it