Non riesci a visualizzare correttamente la Newsletter?
Clicca qui per la versione online.
Flickr
Cacao - il quotidiano delle buone notizie comiche
nr. 150/2014
sabato 5 luglio
DI SIMONE CANOVA, JACOPO FO, GABRIELLA CANOVA E MARIA CRISTINA DALBOSCO
"Dico sempre che mi sento attore dilettante e pittore professionista. I miei lavori teatrali
spesso nascono come immagini. Disegno prima di scrivere. Mi sono abituato piano piano a immaginare le commedie, i monologhi in un contesto visivo, e solo in seguito in quello del recitato. Inoltre, disegnare ha per me una preziosa, decisiva funzione di stimolo creativo.
Se mi capita di essere 'smontato' è proprio disegnando che mi vengono le idee."
Dario Fo


Alcuni dei quadri e delle tavole disegnati da Dario Fo per lo spettacolo “Francesco, lu Santo Jullare” e per il libro “La figlia del Papa” su Lucrezia Borgia sono ora in vendita su shop.dariofo.it.
Si tratta di quadri o tavole originali e unici. Chiunque fosse interessato ad acquisti o a ulteriori informazioni può scrivere a gabriella@alcatraz.it
 La Figlia del Papa
La Figlia del Papa
Carissimi,
questa settimana vi riproponiamo un libro che sta avendo un grande successo: si tratta de La Figlia del Papa, un testo di Dario Fo su Lucrezia Borgia. Il libro si legge come un romanzo, e racconta tutta l'umanità di Lucrezia liberandola dal cliché di donna dissoluta e incestuosa, calandola nel contesto storico di allora e nella vita quotidiana.
Una vera accademia del nepotismo la corte dei Borgia, tra festini e orge... vi ricorda niente?
Buona lettura!
Per acquistare il libro “La figlia del Papa” di Dario Fo clicca qui (SENZA SPESE DI SPEDIZIONE)
 Il gioco degli scambi
Il gioco degli scambi
L'1 ottobre 1498 Cesare Borgia si reca a Parigi. E' una città che non conosce ma ha cominciato ad amarla con l'apprendimento della lingua francese che, come ci siamo resi conto nel suo viaggio a Napoli al seguito di re Carlo VIII, egli sa parlare con agilità e bello stile. Ma che ci va a fare in quella città tanto lontana dalle sue origini? Va nientemeno che a chiedere la mano di Carlotta d'Aragona che, non a caso, è la cugina di Alfonso, ormai marito di Lucrezia, e figli di Federico re di Napoli. Ma non è il lieto fine di una storia d'amore, piuttosto un affare del tutto politico. Impalmando una d'Aragona Cesare si ritroverà a un gradino molto alto della scalata al regno di Napoli.
Ma l'incontro non va come previsto. L'ambita sposa, quando le propongono quell'unione, aggredisce i sensali con una scenata di violenta indignazione: “Cosa? Mi proponete di finire nel letto di un figuro del genere? Un assassino patentato degno dei prostiboli più malfamati? Vi siete dimenticati che quello è il bastardo che s'è presa come amante mia cugina, portandola via al marito, che poi è suo fratello minore? Ma cosa volete? Vado in matrimonio a 'sto infame che prima mi porta a letto e la mattina, dopo aver goduto della mia illibatezza, capace che mi scanna fra le lenzuola come il satrapo assassino delle Mille e una notte?”
Il rifiuto è brutale e senza appello, ma Cesare non se la prende più di tanto. Come si dice, i colpi di scena sono come il vento che spinge le navi, lo scirocco diventa maestrale e vi tocca cambiar rotta. E come fa un Cesare che, giocando a scacchi, perde una regina? Se ne prende subito un'altra? Quella napoletana dice no, ma c'è sempre anche disponibile una giovane nobile francese, un'altra Charlotte, Charlotte d'Albret, sorella del re di Navarra. Lei ci sta, il padre anche, quindi evviva gli sposi.
Questa mossa di scacchi gli procura la simpatia del re di Francia, Luigi XII, il quale, in verità, si avvale di questo favore nei confronti del figlio prediletto del papa per ottenere il suo appoggio, del papa s'intende, riguardo l'annullamento del proprio matrimonio. Il monarca ha sposato in nozze non gradite Giovanna di Valois, una giovane malata di mente. Solo il pontefice può estinguere questo matrimonio. E inoltre il re vuole ottenere il benestare del Vaticano per la realizzazione di un suo progetto ambito, cioè la conquista del regno di Napoli. In testa al suo programma c'è soprattutto la conquista di Milano. Per questa impresa Cesare viene nominato luogotenente, cioè il giovane ha a disposizione finalmente un esercito da guidare in coppia col monarca per assalire, oltre a Milano, anche alcune importanti città della Romagna.
Milano viene conquistata, quindi si scende in Romagna.
Dopo alcuni mesi, il 26 febbraio 1500, Cesare entra a Roma da condottiero vittorioso. Il padre gli aveva approntato un trionfo degno di un imperatore e giunse a nominarlo gonfaloniere della Chiesa. Ma l'accoglienza più festosa ed entusiasta gli venne riservata dal popolo romano. Furono in particolare gli impiegati dell'amministrazione pubblica i più fanatici acclamatori dell'impresa del figlio del papa. I feudatari romagnoli, infatti, erano un vero e proprio fardello per lo Stato pontificio. Riottosi e turbolenti, rifiutavano da anni di pagare le tasse dovute al governo di Roma, il quale era costretto a rifarsi sugli abitanti dell'Urbe, in particolare gli impiegati che da mesi non percepivano più lo stipendio. La vittoria del Borgia, per loro, rappresenta la certezza che presto avrebbero ricevuto consistenti arretrati.
Accogliendo Cesare il padre “Santo” era costretto a minimizzare la propria felicità e l'orgoglio di possedere un figlio tanto acclamato. Ma quando furono finalmente soli nel palazzo Rodrigo giunse ad abbracciare con tanta passione il figliolo da fargli mancare il respiro. Quindi, mentre i camerieri servivano il pranzo, dove i convitati erano solo padre e figlio, Alessandro esclamò, esprimendosi in catalano: “Raccontami tutto di questo tuo trionfo!”
(Continua)

Per acquistare il libro “La figlia del Papa” di Dario Fo clicca qui (SENZA SPESE DI SPEDIZIONE)
Gioielleria, sviluppo e sostenibilità: la prima collana fotovoltaica
Alla scoperta dei protagonisti di EcoFuturo
Prodotta dall’azienda vicentina D’Orica di Gianpietro Zonta è il primo gioiello fotovoltaico del mondo. Le celle solari alimentano un led che si illumina ritmicamente seguendo i battiti del cuore. Un brevetto tutto italiano che dimostra come sia possibile unire tecnologia, sostenibilità ambientale, capacità artigianali e altissima qualità dei materiali.
Gianpietro Zonta, Daniela Raccanello e la collana fotovoltaica saranno ad Alcatraz per EcoFuturo, 26 luglio - 2 agosto 2014. Venite con il cuore! (Per illuminare il led)
Tutte le informazioni sul Festival EcoFuturo qui
i corsi di alcatraz
4/6 luglio
LABORATORIO DEL BOSCO con Antonella Zanotti
img
5/6 luglio
TRANSITION FLOW (2° modulo) con le Associazioni culturali Watsu Italia & Zenit e Nadir
img
16/26 luglio
IN VACANZA GIOCHIAMO INSIEME (3/7 anni) con Mattea Fo e lo staff di Alcatraz
img
26 luglio/2 agosto
ECOFUTURO, FESTIVAL DELLE ECOTECNOLOGIE E DELL'AUTOCOSTRUZIONE - Vieni ad Alcatraz a vedere il futuro!
img
2/9 agosto
5° FESTIVAL DELLA MUSICA ESTASI MUSICANDO
img
9/16 agosto
CORSO DI YOGA DEMENZIALE con Jacopo Fo e i suoi collaboratori
img
16/23 agosto
CORSO DI YOGA DEMENZIALE con Jacopo Fo e i suoi collaboratori
img
23/30 agosto
CORSO DI YOGA DEMENZIALE con Jacopo Fo e i suoi collaboratori
img
30 agosto/6 settembre
CORSO DI YOGA DEMENZIALE con Jacopo Fo e i suoi collaboratori
img
30 agosto/6 settembre
SEMINARIO "LA LIBERAZIONE DAI DOLORI MESTRUALI" con Massimo Valente e Jacopo Fo
img
19/21 settembre
PSICOTERAPIA DI GRUPPO ATTRAVERSO LA PRATICA YOGA-RATNA "Dal sentimento di colpa al sentimento di responsabilità" con Enrica Rame
img
19/21 settembre
CORSO DI TAI CHI SHIATSU E STRUMENTI DEL BENESSERE con Angelo Airaghi
img
19/21 settembre
LABORATORIO VIDEOGIOCHI IN PLASTILINA con Adolfo Zilli
img
19/21 settembre
CORSO DI CUCINA con Angela Labellarte
img
19/21 settembre
LABORATORIO DEL BOSCO con Antonella Zanotti
Clicca qui per il calendario completo dei corsi di Alcatraz Prenota allo 075.9229938/11 email: info@alcatraz.it
link consigliati
Aut. Trib. di Perugia n° 634
del 21/06/1982
Direttore responsabile:
Severino Cesari
Direttore: Jacopo Fo
Anno XI
energia arcobalenoenergia arcobalenoenergia arcobaleno
Facebook
Flickr
Myspace
Twitter
Non vuoi più ricevere questa newsletter?
Clicca qui per cancellare il tuo indirizzo email
Copyright © 2011 Cacao il Quotidiano delle buone Notizie
website -www.cacaonline.it