Non riesci a visualizzare correttamente la Newsletter?
Clicca qui per la versione online.
Flickr
Cacao - il quotidiano delle buone notizie comiche
nr. 8/2016
domenica 28 febbraio
DI SIMONE CANOVA, JACOPO FO, GABRIELLA CANOVA E MARIA CRISTINA DALBOSCO
Materasso innovativo, studiato per il comfort ottimale, a base di olio di soia e olii essenziali di erbe officinali.
Tutte le nostre linee di prodotti soddisfano le esigenze ergonomiche ed ortopediche necessarie per riposare bene, con materassi realizzati artigianalmente utilizzando esclusivamente materie prime naturali certificate.
CLICCA QUI
 Ho bisogno di te e non so come dirtelo!
Ho bisogno di te e non so come dirtelo!
di Jacopo Fo
Questo non è un titolo a effetto, è la pura verità.
Quando giro per l’Italia incontro spesso persone che leggono Cacao, che sono state ad Alcatraz, che in tanti modi seguono la nostra attività. Queste persone hanno per me parole di stima che mi lusingano e mi emozionano e mi fanno sapere che il nostro lavoro è apprezzato.
Una situazione magnifica!
Però poi mi trovo come la settimana scorsa a scrivere un articolo su quanto avremmo bisogno di aiuto per progetti che giudichiamo di grande valore. E mi trovo di fronte al fatto che nessuno, nessuno, risponde in qualche maniera alla mia proposta di collaborazione.
Non riesco a capire come succeda, quale errore di comunicazione io compia. E che ci deve essere un errore lo verifico col fatto che quando mi trovo a parlare faccia a faccia con una persona riesco invece spesso ad arrivare a capire come possiamo connettere i nostri interessi e trovare un terreno di collaborazione. E mai come in questo periodo poi succede che realmente arriviamo a collaborare in modo proficuo. Certo, quando si parla guardandosi in faccia è più facile capirsi ed entrare in sintonia empatica. Ma non può essere che la differenza tra un messaggio web e la comunicazione diretta sia 20 a zero… È chiaro che sbaglio qualche cosa nel racconto della mia proposta.
Quindi ho pensato di provare con questo articolo a non parlare dei singoli progetti ma esprimere l’idea generale della possibilità di collaborazione.
E spero mi perdonerai la presunzione ma io vedo anche la necessità che un certo tipo di persone collabori con noi.
Chi non fa già parte di un’organizzazione, associazione, gruppo di impresa o simili, chi cerca un’attività  appassionante e gratificante, se si mette a lavorare con noi, compie un’azione particolarmente benemerita. Con questo non voglio dire che non ci siano altre associazioni che fanno anche un lavoro più meritorio del nostro… Sicuramente ce ne sono, Emergency, Caritas, Mani Tese, Libera… Ci sono tante entità meravigliose… Ma noi svolgiamo una funzione molto particolare, siamo un gruppo molto piccolo e il nostro messaggio arriva a un gruppo ristretto di persone particolari… Quindi appellandoci a queste persone non togliamo risorse a nessuno, perché noi cerchiamo persone particolari, che solo in un gruppo come il nostro potrebbero esprimersi al massimo.
Noi ci occupiamo della logistica e della formazione, e di una serie di questioni che tutti considerano secondarie ma non lo sono… Un popolo in marcia (come è il “Movimento Progressista” che cammina verso una società migliore) ha bisogno di chi raccolga la frutta dagli alberi e le verdure, tutti i giorni, perché il popolo deve nutrirsi tutti i giorni, e servono quelli che rattoppino i feriti subito, ma ha anche bisogno che una piccola percentuale delle energie disponibili sia investita in attività che non servono per mangiare oggi… Serve qualcuno che pianti gli alberi che fruttificheranno fra 5 anni. Ecco: la rete di Alcatraz è fatta di persone che si sono prese la briga (senza che nessuno lo chiedesse) di occuparci di questioni “non urgenti”.
Chiaro che se ti occupi della logistica a lungo termine interessi poco ai più… Però io credo che sia indispensabile che ci sia chi si occupa di dettagli dimenticati. Il Nobel dei Disabili ad esempio si occupa di offrire gratuitamenti corsi alle associazioni che si battono in prima linea, per migliorare la comunicazione, la gestione contabile e la capacità di accedere ai fondi europei. Ci occupiamo di formare professionisti nel settore digitale e di elaborare progetti complessi che richiedono anni per arrivare in porto. Oppure ci occupiamo di particolari casi individuali che per una serie di ragioni non riescono a trovare “soccorso” presso le associazioni che normalmente si occupano del soccorso “da prima linea”.
Sicuramente un altro elemento che “seleziona” molto chi potenzialmente potrebbe collaborare con noi è che la natura dell’impegno che perseguiamo rende indispensabile che ogni singolo agisca in modo indipendente, autonomo. Cioè non c’è un semplice mansionario con compiti da svolgere ma si tratta di prendere un settore di iniziativa e iniziare a inventarsi cosa fare. Non siamo un partito, non c’è nessuno che comanda (perché non abbiamo tempo da perdere a comandare gli altri) ci sono solo “linee d’azione e esperienza che hanno funzionato” e che comunque te le devi reinventare perché non esistono due casi uguali perché l’Universo adora la biodiversità e noi pure. E sono 15 anni che non facciamo le assemblee perché sennò vengono fuori leader e contro-leader e quelli che parlano e quelli che stanno zitti. I progetti li sviluppiamo parlando a due a due, così ci si capisce. Chi ha l’idea di qualche cosa da fare, sceglie con chi farlo e poi gli parla personalmente e così si crea la squadra. Chiaro che entrare in un simile meccanismo richiede un minimo di sforzo iniziale ma poi ci si rompe meno in perdite di tempo… Che per altro non è che voglio dire che gli altri sbagliano. Se devi gestire un’organizzazione con migliaia di attivisti le assemblee devi farle per forza. Ma non siamo 4 gatti e 4 capre e funziona benissimo a tu per tu.
Allora se sei una persona un po’ strana, se i gruppi normali anche mettendoci tutta la buona volontà, non ti calzano, allora ti invito a prendere in considerazione di collaborare con noi… Non è detto ma magari ti corrispondiamo.
Se invece fai già parte di una qualche entità allora ti invito a valutare la possibilità di cooperare con noi. Se la tua organizzazione vive su questo pianeta un qualche punto di contatto e di possibile collaborazione lo troviamo.
Siamo onesti, adoriamo collaborare, non siamo invasivi, siamo di compagnia…
Se invece per qualche motivo non hai tempo di collaborare in modo impegnativo potresti comunque darci una grande mano in questo momento dedicandoci pochi minuti una tantum.
Potresti condividere questo articolo (non mettere un “mi piace” che non serve a niente ma condividendolo sul tuo social network, in modo che i tuoi amici possano vederlo, o farlo girare via mail).
Potresti anche iscriverti a Alcatraz Channel su You Tube (abbiamo bisogno di arrivare al più presto a 10mila iscritti) e in cambio otterrai di poter godere dell’esistenza di una fantastica web tv che ti proporrà video che ti ridaranno il buon umore quando la rabbia ti fa montare l’aggressività peggio di un koala cattivo.
E se hai un blog con un supplemento di 15 minuti potresti aderire al sistema di scambio banner gratuito www.stradaalternativa.it . Così la tua pubblicità apparirà istantaneamente a automaticamente sui 500 siti web che hanno già aderito a questo sistema.
Se poi vieni anche a trascorrere qualche giorno ad Alcatraz a non far nulla sarà grandioso fare quattro chiacchiere. Io sono veramente convinto che la vita è l’arte dell’incontro. Se hai letto fino a qui sei sicuramente una persona piuttosto strana e interessante e mi viene voglia di incontrarti. Cioè mi domando: come cavolo hai potuto seguire questo discorso così a lungo? Come ti funziona il cervello? Voglio saperlo!

P.S.
Qui trovi una descrizione delle nostre principali attività in questo momento

 I video di Alcatraz Channel: la storia di Ecor e NaturaSì
I video di Alcatraz Channel: la storia di Ecor e NaturaSì
Jacopo Fo intervista Fabio Brescacin, presidente di EcorNaturasì, considerato uno dei pionieri nell’ambito dell’agricoltura biodinamica in Italia. Nel video la storia di EcorNaturasì, come è iniziata l’avventura, i progetti per il futuro e un’interessante riflessione sull’agricoltura nel nostro Paese.
Vogliamo sviluppare in questo modo la visibilità delle aziende italiane che hanno fatto scelte produttive sostenibili e responsabili.
Buona visione!
Clicca qui per vedere il video
Clicca qui per vedere tutti i video di Alcatraz Channel
E iscriviti al canale se vuoi rimanere sempre aggiornato sulle novità!

Buon compleanno Flossie Dickey!
Compie 110 anni, una giornalista le chiede se sia eccitata per la sua festa di compleanno, lei, Flossie Dickey, statunitense, risponde: "Per niente!". Per cominciare bene la settimana lasciatevi contagiare dal centenario entusiasmo di questa signora!
VIDEO
(Fonte: IlPost)
Il mondo non finirà neanche stavolta
Il 23 marzo la cometa P/2016 BA14 raggiungerà la propria distanza minima dalla Terra, pari a circa 3,5 milioni di chilometri. Come scrive Paolo Attivissimo su ZeusNews: "Moriremo tutti. Di noia."
Meno furti di auto in Italia nel 2015
Secondo dati delle forze dell'ordine diffusi dal Dipartimento di Pubblica sicurezza nel 2015 in Italia le vetture rubate sono state 114.121 a fronte delle 120.495 sottratte nel 2014.
Il modello preferito dai ladri? La Panda (11.632 furti), per via dell'affidabilità!
(Fonte: Ansa.it)
La rivoluzione ecologica di Amburgo
Ad Hamburg, principale città portuale della Germania del Nord, sta partendo una vera e propria rivoluzione ecologica: da fine gennaio, negli uffici dell'amministrazione comunale, è vietato nei palazzi pubblici l'uso di acqua in bottiglia, capsule del caffé, piatti e posate usa e getta in plastica. Per le pulizie verranno usati solo detergenti senza cloro.
La stessa amministrazione ha poi pubblicato una guida di 150 pagine con tutta una serie di nuove linee guida ambientali per aziende e privati cittadini (1,8 milioni di abitanti). Si va dalle bici agli abbonamenti gratuiti ai mezzi pubblici per impiegati e dipendenti aziendali fino a una lunga lista di prodotti inquinanti da evitare in casa (i deodoranti per ambienti, ad esempio).
Bravi!
(Fonte: Greenbiz.it)
Resting bitch face
Jason Rogers e Abbe Macbeth, ricercatori comportamentali di Noldus Information Technology, hanno deciso di studiare il fenomeno dell’”involontaria faccia da stronzo”.
Per farlo, i ricercatori hanno usato FaceReader, un sofisticato strumento di Noldus progettato per identificare un’espressione specifica partendo da un catalogo di oltre diecimila immagini di volti umani.
Ma come fa un programma a misurare il disprezzo in un volto? Sono piccoli segnali, come “Ritirare parte del labbro, o strizzare leggermente gli occhi”, ha detto Rogers, oppure, come racconta Macbeth, “Quando la zona intorno agli occhi si fa più stretta, e gli angoli delle labbra si alzano un po’, ma non per sorridere”.
Ce l’hanno la regina Elisabetta e la stilista Victoria Beckham.
E il vostro vicino di casa.
(Fonte: Il Post)
Una burrobirra al tavolo 9 ¾!
La catena di caffetterie Starbucks propone una speciale bevanda che sembra assomigliare incredibilmente alla Burrobirra della saga di Harry Potter. Si tratta dello Smoke Butterscotch Latte, ovvero un concentrato di latte, caffè espresso e salsa di butterscotch (una caramella inglese a base di burro e zucchero).
Ma la birra?
(Fonte: Wired)
Questo non si fa
Alejandro Sanz ha interrotto il suo show a Rosarito, in Messico, per intervenire contro un uomo che stava maltrattando una donna. Il musicista spagnolo ha chiesto alla sicurezza di allontanare lo spettatore, al quale ha gridato: ''Questo non si fa''. Una volta tornato sul palco, ha spiegato ai suoi fan: ''Mi scuso per l'episodio, non riesco a immaginare che qualcuno possa mettere le mani addosso a qualcun altro, men che mai su una donna''.
(Fonte: Repubblica.it)
Biogas Italy: la rivoluzione agricola
La Libera Università di Alcatraz (Alcatraz Channel) è lieta di essere Media Partner della seconda edizione di Biogas Italy, 25-26 febbraio 2016, evento internazionale promosso dal Cib, Consorzio italiano biogas, in collaborazione con Rimini Fiera,
“Rivoluzione agricola: nuove prospettive per il pianeta” è il tema dell'edizione di quest’anno, per evidenziare il ruolo del biogas e del biometano non solo nel sostenere nuove prospettive di crescita e sviluppo per l’agricoltura, ma anche nel favorire la transizione energetica verso una maggiore sostenibilità del settore primario.
Spiega Piero Gattoni, presidente del Cib: "Energia rinnovabile, stoccaggio di CO2 nel suolo, carburanti alternativi, smart farm e agricoltura di precisione: queste sono le strategie intelligenti che centinaia di imprenditori agricoli già stanno mettendo in campo. Ci confronteremo con la politica per individuare gli strumenti normativi necessari a sviluppare ulteriormente un sistema agroindustriale made in Italy che contribuisca al raggiungimento degli obiettivi previsti dall’accordo della COP21”.
Potete seguire i lavori di Biogas Italy tramite la diretta streaming de La Nuova Ecologia, che riprenderemo anche sul blog di Jacopo. A partire da giovedì 25 febbraio ore 9:30.
Altre informazioni su http://www.biogasitaly.com/
Anacapri, il primo comune italiano senza slot machine
Su ordinanza del sindaco Francesco Cerrotta dal primo gennaio 2016 nel Comune di Anacapri, isola di Capri, sono vietate le slot machine per il gioco d’azzardo.
Il regolamento proibisce l’installazione di apparecchi a distanza di 150 metri da luoghi sensibili quali scuole, associazioni, bancomat, centri sportivi e stabilimenti balneari (in pratica tutto il territorio comunale!).
Da un’intervista a LaStampa.it: “Ci sono stati ricorsi?” “Sì. Ma abbiamo vinto sia davanti al Tar che al Consiglio di Stato. I giudici hanno stabilito la competenza del sindaco sulla salute pubblica.”
Niente canti per la miniera
Uno studio della Duke University, riportato dal Daily Mail di Londra, ha denunciato come "non realistica" la rappresentazione dei membri della classe lavoratrice nei film della Walt Disney, affermando che il cinema, perlomeno quello rivolto all'infanzia, tende a fornire una visione zuccherosa, artificiale e ipocrita dei mestieri più umili, e in generale dà un'immagine distorta della povertà e delle differenze di classe.
La scena di “Biancaneve e i sette nani” che vede i lavoratori entrare entusiasti in miniera sarebbe anche un’istigazione al lavoro minorile visto che a lavorare ci va pure Cucciolo.
Simili critiche sono rivolte ad altre pellicole della Disney, come "Mary Poppins", in cui lo spazzacamino sembra "troppo spensierato rispetto alla durezza della vita della working class nella Londra dell'era edoardiana"; mentre "Aladino" viene accusato per una scena in cui il protagonista e la principessa Jasmine paragonano i propri assai diversi retroterra sociali per poi concludere che hanno entrambi avuto un'esistenza non facile.
La vibrazione fantasma
Vi è capitato di sentire vibrare il vostro cellulare e poi accorgervi che non vi stava chiamando nessuno? Se sì allora soffrite della “sindrome da vibrazione fantasma”.
Un nuovo studio sul tema è stato pubblicato a metà gennaio del 2016 dalla University of Michigan School of Public Health imputa questo fenomeno a un problema d’ansia.
Anche Larry Rosen, uno psicologo esperto di tecnologie, lega la sindrome a un’ansia generica causata dall’eccessivo uso di tecnologia, e spiega che al fine di non sviluppare un’ossessione attorno al proprio telefono – o altri aggeggi tecnologici – sarebbe salutare staccarsene per almeno mezz’ora o un’ora al giorno.
Se continuate a sentire la vibrazione anche senza il telefono allora il problema è serio, oppure c’è un terremoto.
(Fonte: Wired)
Pubblicità sincera
Non si è ancora capito se si è trattato di un errore ma probabilmente è una trovata pubblicitaria un po’ originale. Per l'iniziativa "Cantina Lidl, Selezione Gambero Rosso" Lidl ha pubblicato accanto ai vini venduti le descrizioni stilate dai redattori del Gambero Rosso che li hanno assaggiati, senza apportare alcuna correzione in positivo. Così possiamo leggere che uno Zibibbo è "salvabile", un Traminer "forse un po’ troppo dolce", un Verdicchio "sapido, amaro, un po’ di solforosa, ma piacevole nel complesso", un Malvasia "sa di poco".
Insomma una pubblicità onesta, con un vago retrogusto di presa per i fondelli.
(Fonte: Repubblica)
Siate pazienti e invecchierete bene
E’ quel che sostiene una ricerca della National University di Singapore. L’impazienza, la collera e la smania - secondo lo studio pubblicato su Pnas - sono stati d’animo che potrebbero portare a un invecchiamento precoce rispetto a chi invece è più calmo e quieto.
Non vi arrabbiate, porca paletta! (Nella foto: Cromosomi.)
(Fonte: Il Fatto Quotidiano)
La casa di paglia senza riscaldamento
Sta nascendo a Brione, nel bresciano, una nuova casa, in paglia e senza impianto di riscaldamento. Pilastri portanti in legno, mattoni in paglia pressata ad alto isolamento termico, così alto che non serve impianto di riscaldamento per la struttura. La "caldaia" sono le grandi vetrate orientate a sud che d'inverno catturano il calore e d'estate vengono schermate per fornire frescura.
Il progetto è dell'architetto Nino Franzoni che sta collaborando con lo Studio di ingegneria Micheletti. E' previsto anche un sistema di recupero dell'acqua piovana, un impianto solare fotovoltaico da 6 Kilowatt e piastre a induzione in cucina.
La casa sarà pronta fra tre mesi.
(Fonte: Repubblica)
Il Teatro Fa Bene: diari di viaggio in Mozambico
E' online una nuova puntata dei nostri diari di viaggio in Mozambico per il progetto Il Teatro Fa Bene (http://www.ilteatrofabene.it).
Dopo il villaggio di Pundanhar ci spostiamo a Quionga per vedere altri spettacoli teatrali di compagnie locali. Dobbiamo selezionare gli attori che parteciperanno al progetto e allo spettacolo.
Buona lettura!
Clicca qui per leggere "Spettacoli (e casting) nel villaggio di Quionga"
Clicca qui per vedere i primi video del progetto
L'Ecovillaggio di Umepay
In Argentina, un gruppo di amici di Buenos Aires, amici dall'infanzia, decide di mollare tutto e andare a vivere in mezzo alla natura. Nasce così l'ecovillaggio di Umepay, nella provincia di Cordoba. Acqua pura di sorgente, energia solare, riciclo del 90% dei rifiuti, prodotti naturali e biodegradabili per fare le pulizie e spazi aperti al pubblico per organizzare eventi, ritiri e laboratori.
Ringraziamo la redazione di GreenMe.it per aver citato il progetto dell'Ecovillaggio Solare di Alcatraz nell'articolo come esempio italiano. Grazie!
Già nel 2013 raccontarono del nostro Ecovillaggio. Qui l'articolo
Vieni in Cristoteca sabato sera?
L’idea è del parroco della Chiesa di San Michele Arcangelo a Casagiove, provincia di Caserta.
“I giovani hanno bisogno di divertirsi e già tra i 14 e i 16 anni si sentono grandi e vogliono uscire la sera. L’idea è quella di dare ai ragazzi non ancora maggiorenni un luogo sicuro senza che debbano prendere il motorino o l’auto per spostarsi e per questo abbiamo proposto la Cristoteca.” Ha dichiarato don Stefano Giaquinto.
Si comincia sabato 5 marzo dalle ore 19.30.
(Fonte: Repubblica)
Ostriche a cena
Lindsay Hasz stava cenando con suo marito nel Montalcino Restaurant, nello stato di Washington, quando ha sentito qualcosa di duro sotto i denti e ha scoperto che si trattava di una bella perla viola.
Dopo averla fatta valutare da un esperto ha scoperto che si tratta di una rara perla chiamata Quahog dal valore di circa 600 dollari.
Una perla simile, del valore di migliaia di dollari, è stata ritrovata nel 2015 da un poliziotto in una zuppa di pesce servita nel Massachusetts.
Se andate negli Stati Uniti ordinate il pesce!
1-3 aprile: WORKSHOP DI "CONSAPEVOLEZZA ATTRAVERSO LA VOCE E IL MOVIMENTO"
con Chiara De Palo
Un viaggio esplorativo dell’interazione tra voce umana e corpo, degli effetti che le nostre emozioni possono suscitare sul respiro, sulla parola, sul canto e sulla nostra fisicità entro uno specifico contesto spaziale e temporale. Un viaggio emozionale che sarà inoltre focalizzato sul rapporto di causa-effetto tra voce e movimento ma anche su una possibile disconnessione tra i due elementi quando è la mente a intervenire e quindi a provocarla.
Attraverso un percorso mentale, emozionale, vocale e fisico atto a stimolare la nostra creatività con esercizi e libera improvvisazione vedremo come la parola, il canto, una semplice memoria possano essere interpretati ed espressi nei modi più svariati e imprevedibili in un continuo “work in progress”.
Acquisteremo una maggior consapevolezza di come lo spazio e gli oggetti circostanti, il nostro sentire emozionale del “qui e ora”, le abilità e limiti vocali e fisici giochino un ruolo determinante all’interno di questo processo.
Per maggiori informazioni
2-3 aprile : L’ALVEARE CHE DICE SI!, per diventare protagonisti della rivoluzione del food
Con Eugenio Sapora
Cos’ hanno in comune un bar di Torino, un cortile di Napoli e un centro dentistico milanese? Sembra un po’ l’inizio di una barzelletta e invece no! Il filo conduttore è che tutti e tre ospitano un Alveare. Eh sì, ma niente a che vedere con le api stavolta. L’Alveare che dice Sì! è un progetto rivoluzionario di filiera corta, nato 3 anni fa a Parigi e sviluppatosi rapidamente in tutta Europa. E da poco, finalmente, anche in Italia!
L’Alveare che dice Sì! si fonda sull’economia partecipativa, la famosa sharing economy: chiunque, privato, azienda o associazione può aprire il proprio Alveare. Nessun permesso speciale… basta avere passione per il cibo e un po’ di buona volontà per far nascere un Alveare.
Questo corso è volto a dare una formazione di base a tutte quelle persone che vogliono investirsi direttamente in questo progetto ed essere ambasciatori del cambiamento del mondo del food.
Per maggiori informazioni
i corsi di alcatraz
11/13 marzo
INCONTRO SUL PROGETTO DELL'ECOVILLAGGIO SOLARE DI ALCATRAZ
img
18/20 marzo
CORSO DI TAI CHI SHIATSU STRUMENTI DEL BENESSERE con Angelo Airaghi
img
18/20 marzo
CORSO DI CUCINA con Angela Labellarte - La nostra cucina ha commosso fino ad oggi migliaia di persone.
img
18/20 marzo
LABORATORIO DEL BOSCO con Antonella Zanotti - A chi ama sperimentare i sentieri della ricerca per cogliere e valorizzare le risorse disponibili dentro e fuori di sé
img
25/28 marzo
PASQUA AD ALCATRAZ con YOGA DEMENZIALE e LABORATORIO CREATIVO
img
1/3 aprile
WORKSHOP DI "CONSAPEVOLEZZA ATTRAVERSO LA VOCE ED IL MOVIMENTO"
img
1/3 aprile
HAPPENING ARTISTICO E LABORATORIO CREATIVO con Eleonora Albanese e Armando Tondo
img
2/3 aprile
L’ALVEARE CHE DICE SI!, per diventare protagonisti della rivoluzione del food
img
11/15 aprile
STAGE “L’ESSENZA DEL CLOWN” Condotto da Lorenzo “Nanouk” Testardi
img
15/17 aprile
VOCE CREATIVA, per scoprire, potenziare, migliorare, imparare ad amare la propria voce.
img
15/17 aprile
WORKSHOP "IL SETTIMO SENSO: IO SONO" Condotto da Lorenzo “Nanouk” Testardi
img
22/24 aprile
LABORATORIO DEL BOSCO con Antonella Zanotti - A chi ama sperimentare i sentieri della ricerca per cogliere e valorizzare le risorse disponibili dentro e fuori di sé
img
22/24 aprile
CORSO DI TAI CHI SHIATSU E STRUMENTI DEL BENESSERE con Angelo Airaghi
img
22/25 aprile
CORSO DI YOGA DEMENZIALE con Jacopo Fo e i suoi collaboratori
Clicca qui per il calendario completo dei corsi di Alcatraz Prenota allo 075.9229938/11 email: info@alcatraz.it
link consigliati
Aut. Trib. di Perugia n° 634
del 21/06/1982
Direttore responsabile:
Severino Cesari
Direttore: Jacopo Fo
Anno XI
energia arcobalenoenergia arcobalenoenergia arcobaleno
Facebook
Flickr
Myspace
Twitter
Non vuoi più ricevere questa newsletter?
Clicca qui per cancellare il tuo indirizzo email
Copyright © 2011 Cacao il Quotidiano delle buone Notizie
website -www.cacaonline.it