Non riesci a visualizzare correttamente la Newsletter?
Clicca qui per la versione online.
Flickr
Cacao - il quotidiano delle buone notizie comiche
nr. 17/2014
domenica 4 maggio
DI SIMONE CANOVA, JACOPO FO, GABRIELLA CANOVA E MARIA CRISTINA DALBOSCO
Su Commercioetico.it torna il Maggio dei Libri - La campagna nazionale, nata nel 2011, per iniziativa del Centro per il Libro e la Lettura del Ministero per i Beni e le Attività Culturali e del Turismo, quest'anno ha come slogan: “Un libro ti accende” e mira a promuovere la lettura, lo scambio e il regalo di libri, e la crescita culturale.
Commercioetico.it aderisce come ogni anno proponendo quotidianamente un libro diverso a soli 2,00 euro. E da quest'anno in offerta speciale anche i libri+dvd del teatro di Dario Fo e Franca Rame.
A QUESTO LINK trovate giorno per giorno il libro in promozione. Oggi in offerta: Tre tazze di Tè, meraviglioso libro di Greg Mortenson
 Libera Università di Alcatraz - Corso di formazione sull'imprenditoria cooperativa
Libera Università di Alcatraz - Corso di formazione sull'imprenditoria cooperativa
Come costituire e gestire una società cooperativa
Il Nuovo Comitato Il Nobel per i disabili Onlus organizza il secondo Corso di formazione sull'imprenditoria cooperativa. Come costituire e gestire una società cooperativa
Libera Università di Alcatraz - 14-16 maggio 2014
Il Corso di Formazione sull’imprenditorialità cooperativa nasce dall’esigenza di fornire a chi intende creare una impresa mutualistica gli strumenti più adeguati per raggiungere i propri scopi.
Le cooperative sono imprese antiche, eppure molto moderne e straordinarie, perché colgono le esigenze delle fasce più deboli della popolazione e tendono alla soluzione dei problemi di base.
Gratuito o a offerta libera per coloro che fanno parte di associazioni, per chi ha un basso reddito ISEE, per i lavoratori iscritti alle liste di mobilità e studenti universitari under 30, grazie a un contributo del Nuovo Comitato Il Nobel per i disabili Onlus.
Per info e iscrizioni info@alcatraz.it oppure telefonare allo 075/9229938-39-14
 Esistono persone che sentono il sapore dei numeri
Esistono persone che sentono il sapore dei numeri
Particolari rarissimi fenomeni ci possono far scoprire nuove frontiere della nostra mente
Grande posto Alcatraz, incontri sempre gente interessante… Un giovane ricercatore che si occupa di medicina, tra una lasagna e una torta pasquale salata (farina, uova, formaggio), mi ha parlato di Daniel Tammet un ragazzo autistico che è un prodigio matematico. Uno di quegli strani tipi alla Rain Man che riesce a fare istantaneamente, mentalmente, moltiplicazioni tra cifre di 50 numeri. Da paura. Ma a differenza di altri geni matematici strani lui ha una facoltà particolare: riesce anche a imparare una lingua sconosciuta in 7 giorni tanto bene da poter affrontare in televisione una conversazione complessa. In una video conferenza su Ted, (meraviglioso portale sulle nuove idee) racconta che la sua mente funziona in modo molto diverso da quello comune alla maggioranza umana.
Lui vede i numeri come segni, colori, emozioni, sensazioni e agglomerati di pongo colorati a macchie. Cioè, lui sente il concetto 38294857492094394857 come una forma fisica colorata, ma anche come una sequenza di stati d’animo, di sensazioni. Per moltiplicare i numeri mette vicini (nella sua testa) gli oggetti/emozione/sensazione che li rappresentano e nella sua mente si forma spontaneamente un terzo agglomerato bitorzoluto emotivo e colorato che è il prodotto dei due agglomerati da moltiplicare… Quindi “legge” l’agglomerato e la sequenza del risultato gli arriva in testa senza sforzo.
Anche le parole per lui non sono solo concetti ma anche oggetti, ritmi, numeri di sillabe, agglomerati di pongo emozionale. Ed è per questo che riesce ad imparare perfettamente una lingua in modo fulmineo: lui sente l’emozione delle parole e quindi gli risulta facile capire cosa vogliono dire. Sente la forma fisica della frase e quindi ne intuisce la struttura.
Un genio che oltretutto è capace di spiegare nel dettaglio come riesce a fare quel che fa. Dice che il suo cervello in qualche modo mischia i 5 sensi esterni con il senso della percezione di sé (propriocezione). Se ho ben capito, mentre quando io penso al numero 5 si muovono solo le aree del cervello che interpretano i numeri e solo secondariamente qualche ricordo legato al 5, il suo cervello è incapace di separare i concetti dall’insieme di ricordi e esperienze, quindi sente il profumo del 5, il gusto del 5 e così via, in un’incredibile processo di identificazione veramente olistico: percepisce tutto l’insieme contemporaneamente.
Qui trovi la conferenza (se vuoi nel video ci sono i sottotitoli in italiano). Qui un documentario su Tammet.

Tammet finisce la sua conferenza invitando il pubblico a provare a immaginare come si percepirebbe la realtà se si avesse la mente come la sua. Invita le persone a giocare con le idee correnti sulla nostra esperienza percettiva e a immaginare di percepire altro tutto insieme.
Questo discorso mi ha affascinato e ho iniziato a pensarci su.
Ho cercato di trovare nella mia esperienza quotidiana qualche aspetto di questa contaminazione percettiva.
In effetti se dico la parola FRAGOLA, non mi viene in testa solo il concetto fragola, ma anche una serie di micro sensazioni che in qualche modo contengono il ricordo di tutte le esperienze che ho vissuto collegate alla fragola. Mi ricordo il sapore fragola, la zia Rosina che mi faceva ganascino mentre mi offriva una fragola, il rosso di un tramonto che un giorno guardavo assaporando una fragola. Io non sento fragola solo come concetto, anch’io, in misura minima, sento con il corpo e con il cervello la fragolosità.
Se pronuncio la parola BANANA succede qualche cosa di simile ma ovviamente le associazioni sensoriali e di ricordi sono completamente diverse. E questo fa sì che esista una mia idea/sensazione di fragolosità e di bananità completamente diversa da quella degli altri perché essi hanno ricordi ed esperienze diverse.

Avendo trovato questo minimo punto di contatto con l’esperienza fuori dal comune di Tammet, mi chiedo se, facendoci attenzione, non ne potremmo trovarne altri.
E inizio a ragionare in questa direzione col sospetto che ci sia qualche cosa di interessante da identificare. Come al solito la mia ricerca si basa sull’idea che ci siano parecchie cose che ho quotidianamente davanti agli occhi ma che non vedo perché non sono abituato a identificarle.
E mi viene in mente una domanda che mi sono fatto qualche giorno fa: quando parlo, specie se sono emozionato, le parole sgorgano dalla mia bocca senza che la mente razionale le abbia pensate una per una. La mente razionale mentre io parlo sta ascoltando quel che dico. E ogni tanto mi dico: “Cavolo questo non lo dovevi dire!” oppure “Ecco! Hai fatto centro, continua così!” Parlare, è un’attività che svolgiamo solo parzialmente in modo consapevole.
Magari hai studiato per anni un argomento, ma poi quando vuoi raccontarlo la bocca va da sé. Un attimo prima di dire una parola non sai che stai per dirla. Ugualmente un bravo oratore muove le mani e il corpo in modo armonioso ma non sta controllando volontariamente quei gesti, essi sono decisi dalla parte istintiva della mente.
E fino qui spero di essermi spiegato.
Ma poi mi sono chiesto, come faccio a iniziare un discorso? Cosa succede nella mia testa quando decido di raccontare la mia opinione sulla rivoluzione delle ecotecnologie?
Quel che viene in mente a me non è un’immagine precisa, intellegibile. Non vedo una foto e neanche il titolo del discorso o qualche cosa del genere.
Se faccio un po’ di sforzo con la memoria e cerco di andare a guardare cosa appare, come prima cosa nello schermo mentale, quando inizio il discorso, vedo anch’io una specie di pallottola informe di pongo. Un pongo di un colore solo, color caffelatte… Ma comunque una cosa tridimensionale. È come se i titoli degli argomenti di conversazione, i titoli delle idee di cui vado parlando, non fossero registrati nella memoria sotto forma di parole o immagini che rappresentano l’argomento, ma come oggetti informi e misteriosi che però una parte del mio cervello intende benissimo e via che parte e va a pescare nella memoria il file di quel discorso e comincia subito dopo a dire quel che desidero dire. Magico!

Daniel Tammet è il primo a riuscire a descrivere processi mentali rari. Termina la sua conferenza dicendo che sarebbe interessante per tutti provare a immaginare che il cervello possa funzionare in maniera diversa.
Riflettendo su questo tema mi sono reso conto che in effetti non ci occupiamo molto di osservare cosa succede sul nostro schermo mentale. Gia solo l’espressione “schermo mentale” può non essere chiara a tutti. Mi riferisco a quel che vedi quando hai gli occhi chiusi, quello è lo schermo mentale. Ma anche quando hai gli occhi aperti quasi lo vedi (in un certo qual modo). A volte ci sono delle immagini fulminee che ti passano davanti agli occhi mentre parli con una persona. Non è che smetti di vedere quel che ti circonda, potremmo dire che un’immagine fatta di nebbia si sovrappone a quel che stai guardando oppure che puoi guardare uno schermo supplementare contemporaneamente a quel che vedono i tuoi occhi. Uno schermo mentale, appunto…
Ho iniziato a farci caso e, in effetti, noto che se devo richiamare alla memoria un ricordo non uso una fotografia ma appare sul mio schermo mentale qualche cosa di indefinito (un piccolo agglomerato marroncino nel mio caso). E c’è anche una lieve sensazione, emozione, in questo agglomerato.
E osservo anche che il termine Schermo Mentale in realtà è incompleto perché non si tratta di una sensazione solo visiva bidimensionale, è anche uno spazio che ha profondità e che potrei descrivere anche in termine di sensazione corporea diffusa (cavolo!). Mancano le parole per dirlo.
Sono molto curioso di sapere se c’è qualcuno che identifica qualche cosa di simile… In effetti, stiamo discutendo di qualche cosa che sta ai limiti della realtà percettiva.
(Sto proponendoti di partecipare a una ricerca collettiva sulle sub modalità mentali, se vuoi contribuire usa lo spazio per i commenti sotto questo articolo).
Per commentare clicca qui
 Un Doblò per Totò
Un Doblò per Totò
Attraverso il sito del Nuovo Comitato il Nobel per i disabili Onlus abbiamo lanciato un esperimento, una campagna di raccolta fondi per finanziare l'acquisto di un mezzo di trasporto per un ragazzo disabile della provincia di Perugia, Totò.
Fino a che l'età di Totò lo permetteva, il trasporto era possibile grazie all'intervento dei genitori che sollevavano di peso il ragazzo dalla sua carrozzina per farlo accomodare sui sedili di una normale autovettura. Ora Totò è cresciuto e alzarlo di peso non è pensabile per ogni spostamento familiare. Il trasporto verso la scuola è agevolato per 3 giorni a settimana da un servizio offerto dal Comune ma la vita normale di tutti i giorni è limitata agli spostamenti a piedi.
Hanno chiesto l'aiuto del Comitato e puntiamo a raccogliere 10mila euro per acquistare un Doblò o qualcosa di simile opportunamente attrezzato per ospitare all'interno una carrozzina.
Per partecipare alla campagna di crowdfunding basta fare una donazione al Comitato e a chi versa più di 50,00 euro regaliamo una stampa d'arte di Dario Fo.
Per maggiori informazioni CLICCA QUI
Rivoluzione, ti bacerò talmente forte che cadrà il governo!
La mia guerriglia è massaggiare i tuoi piedi mentre guardiamo un film in tv
Questo è un appello rivoluzionario!
È un avviso ai naviganti.
E a tutti quelli che ormai sono stanchi.
Attenzione: c’è un complotto internazionale, una massoneria bestiale, una cospirazione grammaticale…
Ci sono di mezzo i servizi segreti, le televisioni, i petrolieri, i mercanti d’armi.
Hanno messo l’assenza di senso nell’acqua potabile.
Ci bombardano con le scie chimiche che rendono le anime bulimiche.
Armi di depressione di massa!

Possiamo soccombere al malanimo.
Sarebbe giusto, sarebbe comprensibile, sarebbe compatibile.
Oppure possiamo usare il comico al posto della dinamite.
Possiamo scegliere la guerriglia della passione.
Possiamo scegliere la manifestazione dei sentimenti.
Possiamo scegliere di essere coerenti.
Tutti dicono che amano i bambini.
Ma perché quando nevica le strade non sono piene di pupazzi di neve?
Siamo pieni di padri che non hanno tempo.
Ci dev’essere qualche cosa che non va.
Evidentemente qualcuno non si è accorto che la cosa più importante da fare con i bambini sono i pupazzi di neve.
Qualcuno non si è accorto che un popolo senza il senso del gioco non saprà mai essere libero.
Il nostro fronte di combattimento sulla spiaggia è la linea dei castelli di sabbia. (...)
Sono andato a la7 e mi hanno dato tutti ragione: incredibile!
Il 26 aprile ho partecipato a una puntata storica di Coffee Break su La7 condotto dall'eccellente Tiziana Panella. Una puntata sull'ottimismo italiano e sulla capacità di inventarsi lavori e modi di vivere durante la quale ho avuto la possibilità di raccontare il nostro modello di sviluppo: i gruppi d'acquisto, gli ecovillaggi, nuovi modi di lavorare tra turismo, formazione, arte, benessere e ecotecnologie.
Domenico De Masi (Sociologo) - Jacopo Fo - Giuseppe Bortolussi (CGIA Mestre, quelli che da decenni producono statistiche con il loro centro studi) hanno convenuto che questo è il NUovo Modello di Sviluppo che ci può portare fuori dalla crisi. E abbiamo pure ragione a dire che la crisi è dovuta a incapacità, spreco e corruzione. (...)
Piu' Case dell'acqua per tutti
Nel 2013 le 79 Case dell'Acqua alla spina attive nel Friuli Venezia Giulia hanno erogato 20 milioni di litri di acqua pubblica prelevata direttamente dall’acquedotto.
Sono state risparmiate 540 tonnellate di rifiuti di plastica e oltre 3.500 tonnellate di anidride carbonica prodotte dai mezzi di trasporto.
I dati sono disponibili grazie un “Programma regionale di prevenzione della produzione dei rifiuti” che, tra le altre cose, monitora le buone pratiche di riduzione degli imballaggi.
Gaziantep, la città riscaldata dai pistacchi
Entro cinque anni alcuni nuovi quartieri della cittadina turca di Gaziantep, al confine con la Siria, saranno riscaldati grazie alla biomassa prodotta dalle bucce dei pistacchi, una delle principali coltivazioni della zona e una delle maggiori fonti di guadagno per gli agricoltori.
Il progetto della greencity di Gaziantep, una novità per un paese come la Turchia che importa il 75% dell'energia che consuma, prevede anche pannelli solari fotovoltaici su tutti gli edifici, un sistema efficiente di riciclo dei rifiuti e un bacino idrico per la raccolta delle acque piovane e di scarico.
Già un primo edificio è stato premiato con la certificazione del Passive House Institute. In attesa dei pistacchi è alimentato con biodiesel dal Martini.
(Fonte: Rinnovabili.it)
Acceso il parco eolico di Tarfaya
Ha iniziato a produrre i primi kilowatt di energia rinnovabile l'impianto eolico di Tarfaya, nel sud-ovest del Marocco. 88 turbine già montate sulle 131 complessive del progetto, 40 già collegate alla rete energetica e una potenza totale, una volta a regime, di 300 megawatt. Dovrebbe soddisfare il 42% del fabbisogno energetico dell'intero Marocco, secondo quanto riporta Misna.org.
Il Paese sta investendo molto nel solare e nell'eolico: sono cominciati nel 2013 i lavori di costruzione del primo parco solare nella zona di Ouarzazate (sud) e un altro parco eolico è in funzione a Foum el Oued, nei pressi di Laayoune.
(Fonte: Misna.org, segnalata da Daniele I.)
Ladri di Nutella
Nell'aprile del 2013, a Niederaula, in Germania, avevano rubato un camion carico di 5 tonnellate di Nutella, circa 2mila vasetti. Ora per i cinque ladri sono arrivate le condanne: da 9 mesi di reclusione per due donne complici a 6 anni per i realizzatori materiali del furto. Sono stati fortunati, la glicemia poteva ucciderli.
(Fonte: Repubblica)
Tornano gli ecoincentivi statali sulle auto ecologiche
Dal 6 maggio si potranno richiedere nuovamente gli ecoincentivi per l'acquisto di auto ecologiche. Il Ministero dello Sviluppo Economico ha stanziato per quest'anno la cifra di 31,3 milioni di euro a cui si aggiungono i fondi non utilizzati nel 2013, per un totale di 63,4 milioni di euro.
Metà delle risorse saranno destinate ai privati che non hanno obbligo di rottamazione. Il restante 50% è dedicato alle imprese, ai noleggi, ai taxi, dietro rottamazione di un veicolo “obsoleto”. Per i privati, i contributi sono destinati all’acquisto di veicoli con emissioni di CO2 inferiori ai 95 g/km (una parte, il 15% del totale, è riservata a quelli che emettono meno di 50 g/km, dunque elettriche e ibride plug-in), mentre per le aziende si può arrivare fino ad un massimo di 120 g/km.
(Fonte: IlFattoQuotidiano)
Torna in Italia la Vegetable Orchestra
Il prossimo 10 maggio la Vegetable Orchestra di Vienna si esibirà a Rovereto (TN) in occasione del Festival Città Fiorita (ore 18, Cortile Urbano di Via Roma).
Nata nel 1998, la Vegetable Orchestra è nota soprattutto per il fatto che usa frutta e ortaggi al posto dei normali strumenti musicali. Zucchine, carote, melanzane, cetrioli, vengono opportunamente intagliati e scavati per diventare flauti, percussioni e altro. Gli scarti vengono lavati e cotti in un minestrone poi offerto al pubblico. Quindi è meglio andare a stomaco vuoto, il crostino portatevelo da casa. - VIDEO
(Fonte: Ecoblog)
Il guanto stampato in 3d per guarire le fratture
Osteoid è stato inventato dal designer turco Deniz Karasahin manderà in pensione il gesso per guarire le fratture ossee. Si tratta di un guanto realizzato in termoplastica e stampato in 3D partendo da una scansione tridimensionale del braccio o dell'arto rotto. Al guanto è collegato un generatore di ultrasuoni in grado di pulsare cariche direttamente sulla pelle e poi sull’osso.
Dimezza i tempi di guarigione e non ha molti degli inconvenienti che hanno le ingessature (igiene, pruriti e così via).
E' solo un concept ma ha vinto il Golden A’Design Award per le forme stampate in 3D.
Gossip
Paul Simon, del duo folk rock statunitense Simon and Garfunkel, è stato arrestato qualche giorno fa per schiamazzi notturni. Alla faccia del sound of silence.
I premi Nobel per l'Ambiente
Assegnati a San Francisco i Goldman Environmental Prize 2014, meglio conosciuti come i premi Nobel per l’Ambiente. Quest'anno vincono Desmond D’Sa’s, Sudafrica, per essere riuscito a far chiudere una discarica di rifiuti tossici in un’area residenziale di Durban; Ramesh Agrawal, India, per aver ottenuto la chiusura di una grande miniera di carbone a Chhattisgarh; Ruth Buendia Mestoquiari, Perù, per aver unito gli indigeni Asháninka in una campagna contro la costruzione di una centrale idroelettrica; Suren Gazaryan, Russia, per aver guidato una campagna contro l’uso illegale delle foreste protette lungo le coste del Mar Morto; Rudi Putra, Indonesia, per aver lottato contro le piantagioni di palma da olio, causa di deforestazione a Sumatra; Helen Holden Slottje, Stati Uniti, per aver utilizzato una clausola della costituzione ottenendo la messa al bando del ‘fracking’ nello Stato di New York. Il fracking, o fratturazione idraulica, è una nuova tecnica di perforazione dei terreni per estrarre gas naturale. Viene iniettato un getto ad alta pressione di acqua mista a sabbia e altri prodotti chimici per provocare l’emersione in superfice del gas. Una manna per l'ambiente...
(Fonte: Misna.org)
Ridere previene la perdita di memoria
Secondo uno studio della Loma Linda University, presentato a San Diego, una risata non aiuterebbe soltanto a ridurre la tensione e i livelli di stress, ma porterebbe giovamento anche all’attività cognitiva durante la terza età. Il rilascio di endorfine e dopamina innescherebbe, oltre al senso di piacere, soddisfazione e benessere, anche cambiamenti nell’attività delle onde cerebrali verso quella che è chiamata “la banda delle onde gamma”, che amplificano la memoria e i ricordi. Una risata ci salverà! E ci ricorderemo perché ridevamo. Dimenticavamo: in una risata sono coinvolti 12 muscoli. Fate ginnastica, ridete!
Le notizie dei lettori
Buongiorno,
Vi segnaliamo, se può interessarvi, che a Roma dal 2 al 4 maggio si terrà il Raduno Nazionale di Guerrilla Gardening, con la presenza di gruppi da tutta Italia. Maggiori informazioni sul blog della manifestazione, CLICCA QUI.
Autosufficienza sanguigna
Nel 2013 il Veneto ha centrato un obiettivo molto importante: l'autosufficienza regionale in emocomponenti. I donatori di sangue veneti sono riusciti a soddisfare l'intero fabbisogno della Regione.
L'Avis registra l'arrivo di 10mila nuovi donatori attivi che hanno sostituito i circa 9mila usciti per raggiunti limiti di età (65 anni).
(Fonte: Mattinopadova.gelocal.it)
S.O.S.
Disavventura, finita bene per fortuna, per un gruppo di 5 ragazzi australiani. A Pasquetta si sono recati in un isolotto disabitato del Queensland ma hanno legato male la barca che ad un certo punto è sparita lasciandoli naufraghi senza acqua e senza viveri.
Si sono salvati scrivendo un enorme SOS sulla sabbia. Lo avevano visto fare in un film.
(Fonte: Corriere.it)
Eolico di comunità in Germania
Scrive Ecquologia: “La Germania non è solo leader europeo delle rinnovabili dal punto di vista quantitativo, ma anche per la qualità degli investimenti: il 51% degli impianti solari ed eolici è infatti di proprietà dei cittadini, sia singoli che associati.”
Prendiamo l'esempio del parco eolico di Druiberg, nei pressi di Dardesheim: 36 turbine per una potenza totale installata di 66 MW. Gli unici proprietari dell'impianto sono i cittadini residenti, il progetto non è aperto ad altri investitori.
A Rinschheim, 300 abitanti hanno raccolto 7 milioni di euro e partecipano per un terzo alla realizzazione di un altro parco eolico a sud ovest di Wuerzburg.
25-30 maggio: CORSO DI TEATRO CON DARIO FO, JACOPO FO e lo staff di Alcatraz
La recitazione, la regia, l’interpretazione mimica, la costruzione dello spazio scenico e della relazione con il pubblico.
Un seminario rivolto ad attori, registi e appassionati durante il quale verranno affrontati gli aspetti fondamentali della scrittura e della rappresentazione di un testo teatrale.
Sono disponibili tariffe agevolate per persone con basso reddito (dimostrato da Dichiarazione dei Redditi o dichiarazione ISEE)
Offerte speciali riservate alle scuole di teatro e compagnie teatrali.
i corsi di alcatraz
9/11 maggio
SECONDO SEMINARIO NATUROPATIA COMPLEMENTARE Psico-neuro-endocrino-immunologia 1 con la Prof.ssa Valeria Marsili
img
9/11 maggio
HAPPENING ARTISTICO E LABORATORIO CREATIVO con Eleonora Albanese
img
9/11 maggio
CORSO IL SAPORE DELLE EMOZIONI con David Papini - Per allenarsi e riscoprire e sentire tutto quello che c’è, qui e ora
img
9/11 maggio
CORSO DI CUCINA con Angela Labellarte - Dalle ricette della nonna ai piatti più elaborati
img
9/11 maggio
ACQUA E RELAX Un fine settimana dedicato all'ascolto di se stessi
img
14/16 maggio
CORSO DI FORMAZIONE SULL'IMPRENDITORIA COOPERATIVA
img
16/18 maggio
ESTASI MUSICANDO
img
16/18 maggio
LABORATORIO DEL BOSCO con Antonella Zanotti
img
23/25 maggio
HAPPENING DEL CAMMINATORE con Eleonora Albanese ed Angelo Airaghi
img
23/25 maggio
YOGA DEL PERINEO Ravviva il tuo Potere Femminile (per sole donne) con Giulia Quadri Gualandri
img
23/25 maggio
YOGA-RATNA "IL MASCHILE E IL FEMMINILE, L'UNITA' NELLA DIVERSITA'" con Enrica Rame
img
25/30 maggio
CORSO DI TEATRO CON DARIO FO, JACOPO FO e lo staff di Alcatraz - La recitazione, la regia, l’interpretazione mimica, la costruzione dello spazio scenico e della relazione con il pubblico.
img
30 maggio/2 giugno
YOGA DEMENZIALE E MASSAGGIO THAILANDESE con Gisella Manganelli e Jacopo Fo
img
6/8 giugno
HAPPENING DEL CAMMINATORE con Eleonora Albanese ed Angelo Airaghi
img
6/8 giugno
CORSO DI CUCINA con Angela Labellarte
img
6/8 giugno
CORSO DI SARTORIA BASE con Doris Corsini. Organizzato dal Nuovo Comitato Il Nobel per i disabili Onlus
img
6/8 giugno
CORSO "LE VOCI DELL'ANIMA" con Laura Pierantoni
img
6/8 giugno
INCONTRO SUL PROGETTO ECOVILLAGGIO SOLARE DI ALCATRAZ con Jacopo Fo e Gabriella Canova
img
7/8 giugno
CORSO DI BASIC WATSU con le Associazioni Culturali Watsu Italia & Zenit e Nadir
Clicca qui per il calendario completo dei corsi di Alcatraz Prenota allo 075.9229938/11 email: info@alcatraz.it
link consigliati
Aut. Trib. di Perugia n° 634
del 21/06/1982
Direttore responsabile:
Severino Cesari
Direttore: Jacopo Fo
Anno XI
energia arcobalenoenergia arcobalenoenergia arcobaleno
Facebook
Flickr
Myspace
Twitter
Non vuoi più ricevere questa newsletter?
Clicca qui per cancellare il tuo indirizzo email
Copyright © 2011 Cacao il Quotidiano delle buone Notizie
website -www.cacaonline.it